Asia-Italia, un abbraccio goloso

Seconda serata Identità-Eataly per la biodiversità, protagonisti Ichikawa, Panero e Barbara Scabin

11-06-2015
I protagonisti della cena di ieri firmata Identit

I protagonisti della cena di ieri firmata Identità Golose-Eataly per la biodiversità tricolore, un incontro tra Asia e Italia: Paolo Marchi, Oscar Farinetti, Michele Biassoni, Haruo Ichikawa, Enrico Panero e Barbara Scabin

“Asia and Italy”. Il secondo capitolo dell’impegno targato Identità Golose e Eataly per propagandare in tutto il mondo la straordinaria biodiversità del Belpaese ha dato vita a un’altra super-cena d’autore che ha visto come protagonisti, in platea, alcuni dei maggiori rappresentanti istituzionali in Italia e all’Esposizione 2015 del continente più grande del mondo, oltre ai padroni di casa Oscar Farinetti, Paolo Marchi e Claudio Ceroni, con ulteriori ospiti di riguardo del calibro dei giornalisti Dario Di Vico e Beppe Severgnini; in cucina, un trio a-tutta-qualità formato da Haruo Ichikawa dell’Iyo meneghino (con il giovane sous chef Michele Biassoni sempre più promettente), Enrico Panero del Da Vinci di Eataly Firenze e Barbara Scabin del Blupum d’Ivrea, il fratello Davide un po’ al tavolo d’onore, un po’ ai fornelli a dare una mano. 
 
Convenevoli iniziali e un Farinetti in gran forma, imperfetto nell’oratoria in inglese quanto assolutamente calato nella parte del sognatore ottimista e fattivo: «Sapete che cosa vi dico? L’Italia ha enormi potenzialità, vogliamo diventare in dieci anni il Paese più importante d’Europa. Non è una chimera, ci stiamo lavorando. Il Made in Italy deve crescere quanto Eataly: siamo già in molti Stati, inoltre apriremo a Seul il 20 agosto, a Mosca in settembre, a Monaco di Baviera in novembre, il secondo food store newyorkese a gennaio, e poi sbarcheremo a Londra, Parigi e Madrid, dopo persino in Cina e India. Prospettive fantastiche perché possiamo raccontare la bellezza (e la bontà, ndr) della nostra Penisola».
 
Il piatto di Ichikawa-Biassoni, battezzato semplicemente Il Gambero

Il piatto di Ichikawa-Biassoni, battezzato semplicemente Il Gambero

Parlando di bontà, la parola non poteva che finire a Marchi, sempre più a suo agio nelle vesti di garante della qualità incarnata dalla nuova alta cucina tricolore. E dunque via alle danze... pardon alle portate, subito dopo l’intervento di Nicolò Rubelli, uno dei tanti interpreti dell’eccellenza nostrana con il suo gruppo Rubelli, storico marchio veneziano di tessuti d’arredo e mobili, attivo dal 1858, ora entrato anche nel mondo del design: «Noi italiani siamo creativi. Dunque anarchici, confusionari? No, talentuosi. Possono essere pomodori o seta, comunque sappiamo interpretare e trasformare come nessun altro ciò che proviene magari dall’altra parte del globo. Dobbiamo solo imparare una cosa: a essere capaci di trasmettere meglio le nostre capacità». 
 
Mentre terminava, giungevano ai tavoli i primi piatti. Spettacolare quello di Ichikawa-Biassoni: Il Gambero, ossia un rosso di Mazara che si donava intero alle fauci, la testa fritta, il carapace ridotto in polvere, la carne che riempiva dei roll con brunoise di gambi di pak choi, lo stesso cavolo cinese le cui foglie chiudevano il delizioso rotolino. Poi altra polpa di gambero con olio, sesamo e sale, una maionese di yuzu e nanami (miscela di sette spezie: peperoncino rosso togarashi, scorza di mandarino, semi di sesamo, di papavero, di canapa, alga nori tritata, pepe di Sichuan), e per finire i cuori del solito pak choi e funghi enokitake. Buonissimo.

 

Il Sushi Tiramisù finale firmato Luca Montersino e preparato dal suo collaboratore Stefano Rostan

Il Sushi Tiramisù finale firmato Luca Montersino e preparato dal suo collaboratore Stefano Rostan

Con Severgnini che raccontava gli italiani scomodando parole come “intelligenza”, “gusto”, “genio”, Panero - con l'aiuto di Marco Visciola de Il Marin di Eataly Genova - s’incaricava di mettere in pratica proponendo la sua versione del riso alla cantonese: China Made in Italy era un Carnaroli con piselli freschi, fondo di carne acidulata, scramble di uova, fettine di lonza di maiale, gambero biondo toscano crudo (fa-vo-lo-so) e cipollotto: piatto complesso, che conferma il talento del piemontese, alcuni lo trovavano un po’ slegato, altri cercavano speranzosi il bis.

Poi toccava alla Scabin: poche parole e un’impresa difficile, interpretare la cucina indiana – prima si era stati in Giappone e Cina – dal punto di vista dell’alta cucina. Il compito era affidato a un piatto golosissimo, Agnello in costa “birjani” alla caprese (il birjani è una pietanza persiana e indiana a base di riso, con spezie, carne o verdure). La sua versione prevedeva un timballo di risotto al dragoncello con agnello stufato in crosta, crema di mozzarella, chutney di pomodoro San Marzano, insalata iceberg e salsa raita (altra specialità indiana: yogurt, cetriolo, spezie).

Chiudeva un dolce firmato Luca Montersino, per l'occasione preparato da Stefano Rostan: Sushi Tiramisù con fragole, salsa alo zenzero e finte uova d’albicocca (c’era chi lo ribattezzava brillantemente Tiramisushi): bello da vedere, buono da mangiare.

Rubriche

Tutto Expo

Linea diretta con l'Esposizione Universale 2015


Olio Coppini