Custodi del vino, l'Italia che resiste e rinasce

Nel suo ultimo libro, Laura Donadoni approfondisce le storie di produttori da tutto il Paese. Racconti di riscatto e bontà

01-12-2021
Laura Donadoni, aka The Italian Wine Girl, con i

Laura Donadoni, aka The Italian Wine Girl, con il suo ultimo libro, “Custodi del vino. Storie di un’Italia che resiste e rinasce” (Slow Food Editore, 16,50 euro, compralo online)

"Custodi del Vino" è l’ultimo libro di Laura Donadoni, giornalista italiana che vive tra il nostro paese e la California. È un diario di viaggio tra le 20 regioni per tratteggiare, col talento di un’agile penna, un eno-ritratto che fa riflettere. Una sequenza di storie di persone che, grazie e attraverso il vino, hanno creato esempi di resistenza e rinascita di territori.

Comunicatrice del vino, The Italian Wine Girl vanta sul suo profilo instagram una community di oltre 52mila persone. In California ha fondato l’agenzia di comunicazione La Com Wine Agency e pubblicato “Come il vino ti cambia la vita” (Cairo, 2020). È sommelier certificata Ais, è Vinitaly International Ambassador e unica donna italiana membro del prestigioso International Circle of Wine Writers di Londra. Collabora con la guida Slow Wine e ricopre il ruolo di giudice professionista in numerose kermesse di livello internazionale, tra cui la storica San Francisco Chronicle Wine Competition.

Dna da cronista, ci racconta: «Il titolo di questo libro non ha, volutamente, un articolo davanti. ‘Custodi’ può essere declinato al maschile o al femminile. Non volevo fare un discorso di genere. Mi pareva perfetto identificare gli addetti alla cura di un bene prezioso come la terra e la natura. Sono una donna molto curiosa e, a un certo punto della mia vita, sono stata messa di fronte a una scelta che mi doveva far allontanare dal mio paese d’ origine con necessità di reinventarmi un lavoro. Ho pensato che il vino, mia grande passione, avrebbe potuto diventare la mia nuova professione. Allora ho studiato e cercato in ogni modo di colmare lacune per completare il mio profilo di giornalista enoica».

Così nasce il blog The Italian Wine Girl e da lì tutte le connessioni con i produttori italiani e stranieri con cui oggi collabora. «Ringrazio Slow Food Editore per aver creduto in questo progetto a cui tengo tantissimo. Ho viaggiato incessantemente in Italia e scritto questo libro in pochi mesi. Una gioia poter tradurre in parole quello che ho provato percorrendo il paese. In ogni racconto ho scelto di intervistare personaggi estranei al mondo del vino ma perfetti ambasciatori delle propria regione d’ origine. Alcuni di loro sono appassionati di vino altri forse astemi ma grati di essere nati in quella parte d’Italia».

Tra gli ambasciatori, ci sono il fondatore di Slow Food Carlo Petrini per il Piemonte, il cronista sportivo Bruno Pizzul per il Friuli Venezia Giulia, il cuoco Enrico Bartolini per la Toscana, il giornalista Rai corrispondente da Londra Antonio Caprarica per la Puglia e molti altri. «Questo libro, aggiunge, «nasce da esperienze vissute in prima persona in vigna coi protagonisti, dai pranzi in cantina a degustare le loro produzioni e, spesso, da incontri accidentali che ho cercato di descrivere con dovizia di particolari per far arrivare la lettore l’immagine perfetta di quello che i miei occhi e le papille gustative hanno percepito. Nel libro è stampato un QR code che permette di accedere a tutti i contenuti video con le interviste integrali».

L'autrice con Angelo GaJa

L'autrice con Angelo GaJa

Sono belle storie, ricche di dettagli su cui riflettere. Narrazioni di persone che hanno raggiunto i rispettivi obiettivi cambiando radicalmente la propria vita. Il tratto narrativo di Laura vi farà venire voglia di partire per visitarli. «Fin da bambina i miei genitori dovettero fare i conti con il mio carattere a tratti ribelle, nell’accezione migliore del termine possibile. Ricordo quanto il preside della scuola mi chiamò a rapporto perché alzavo troppo spesso la mano in classe per fare domande”. Un’ottima strenna per le festività imminenti.