Extraverginità

Nel libro-inchiesta di Tom Mueller, un'indagine su frodi e scandali nell'universo dell'olio d'oliva

31-10-2013
La copertina di Extravirginity, libro-inchiesta de

La copertina di Extravirginity, libro-inchiesta del giornalista statunitense Tom Mueller che indaga sulle frodi e gli scandali dell'olio d'oliva. La versione italiana, appena pubblicata da Edt, ha la prefazione firmata da Milena Gabanelli (foto alabamachanin.com)

E' arrivato finalmente anche in Italia, e soprattutto in italiano, Extraverginità, il libro-inchiesta del giornalista statunitense Tom Mueller che indaga sulle frodi e gli scandali dell'olio d'oliva, con tanto di Tumblr e di hashtag dedicato su twitter (#extraverginita). Pubblicato per la prima volta in inglese nel 2011, sull'onda del trambusto creato da un articolo di Mueller sull'industria olearia italiana intitolato "Slippery Business" (affari scivolosi), apparso su The New Yorker nel 2007, Extra Virginity era stato già tradotto in diverse lingue, dal giapponese al portoghese.

Tutto parte nel 2004, quando Andreas März, giornalista svizzero e produttore di olio, fa analizzare organoletticamente 31 bottiglie etichettate come “olio extravergine d’oliva” prese dagli scaffali di un supermercato tedesco. Questi i risultati: solo uno dei campioni è davvero extravergine, nove sono solo “vergine”, tutti gli altri (compresi alcuni fra i marchi più diffusi in Italia) risultano “lampante”, inadatto al consumo alimentare.

La copertina del libro, 272 pagine, 15,30 euro online

La copertina del libro, 272 pagine, 15,30 euro online

Il libro – il cui suggestivo sottotitolo è "Il sublime e scandaloso mondo dell’olio d’oliva" - amplia l'indagine e allarga la prospettiva. Oltre a raccontare la storia dell'olio d'oliva sotto diversi aspetti, da quello religioso a quello culinario, descrive l'attuale situazione dell'industria olearia denunciandone frodi e corruzione, ma anche presentando quella che Mueller chiama “la gente dell’olio”: olivicoltori virtuosi e rappresentanti delle forze dell'ordine che combattono questi fenomeni. Nonostante il ruolo importante (o forse proprio per questo) giocato dall'Italia e nonostante il fatto che Mueller viva per gran parte dell'anno tra gli oliveti liguri, il libro arriva solo adesso in italiano grazie alla EDT, casa editrice che pubblica anche in Italia le guide Lonely Planet.

D'altra parte, in un Paese tra i primi produttori mondiali di olio extravergine dove l'importazione di olio d'oliva straniero supera la produzione nazionale e i grandi marchi storici vengono acquistati da gruppi stranieri, questo è solo il minore dei paradossi. Perciò rallegriamoci del cosiddetto meglio tardi che mai, e prepariamoci a scoprire molte cose – spesso spiacevoli – sull'extravergine (o presunto tale) nostrano.

L'autore Tom Mueller: americano, scrive per il New Yorker e vive nella campagna attorno a Genova

L'autore Tom Mueller: americano, scrive per il New Yorker e vive nella campagna attorno a Genova

Nella versione italiana, oltre ad alcuni aggiornamenti e a un'interessante appendice con una guida alla scelta dell'extravergine per favorire la consapevolezza alimentare dei consumatori – temi portati avanti quotidianamente da Mueller sul suo sito – spicca la prefazione di Milena Gabanelli. Nessuno avrebbe potuto essere più indicato della giornalista e conduttrice di Report, che con una puntata dedicata appunto all'extravergine nel 2002 – costata al programma una delle innumerevoli querele aprendo una vicenda giudiziaria durata 11 anni – contribuì a scoperchiare gli aspetti più loschi del settore e ad avviare una serie di indagini e modifiche nelle norme sull'etichettatura, così come l'articolo e il libro di Mueller hanno contribuito a sollecitare la riforma dei criteri qualitativi dell'olio negli Stati Uniti.

«La politica non si fa soltanto dentro al Palazzo, la facciamo anche noi consumatori ogni volta che scegliamo che cosa mettere dentro al carrello della spesa». Scrive la Gabanelli.
In questo caso, vale la pena metterci un libro.


Rubriche

Frantoio Squadrilli

Tematiche e identità legate all'olio extravergine d'oliva, raccontate da Luciana Squadrilli