Quattro schede novità, da Acqui Terme al Salento

Frangente, Mirepuà, Da Sebastiani, A Casa Tu Martinu: le new entry di questa settimana sulla Guida online di Identità

11-09-2021
Federico Sisti, da aprile 2021 al timone di Frange

Federico Sisti, da aprile 2021 al timone di Frangente a Milano, ristorante novità nella Guida di Identità Golose

Frangente
(via Castaldi 4, Milano, +390296844851, www.frangentemilano.com)
Quante ne sa Federico Sisti da Riccione. Ora che poi ha l’agognato palcoscenico, s’è preso per intero la possibilità di far assaggiare a tutti uno squisito mestiere, forgiato al fianco di serissimi maestri come Giovanni CiresaGaetano TrovatoStefano Ciotti. Che ti accomodi a uno dei tavoli o al bancone da 5 sedute che spia da vicino il mulinare le mani dei cuochi, da Frangente – l’onda che si schianta sulla battigia, richiamo al surf, la passione del cuoco – si sta benissimo. Lo chef counter è subito appena dopo l’ingresso, «perché, se entri a casa mia», spiega con senno il romagnolo, «è giusto che ad accoglierti ci sia io» [...] Leggi l'intera recensione di Gabriele Zanatta

Gaia Fassone e Federico Ferrari, Mirepuà, Acqui Terme (Alessandria)

Gaia Fassone e Federico Ferrari, Mirepuà, Acqui Terme (Alessandria)

Mirepuà Food Lab al Cascinone
(Regione Boschi 2, Acqui Terme-Alessandria, +390144594602, mirepuacascinone.com)
Mirepuà sta, dal 3 aprile 2019, a Il Cascinone, una delle principali tenute dell'Acquese. Siamo sulle colline dell'Alto Monferrato, l'azienda conta 102 ettari, dei quali 45 vitati, Acqui Terme dista più di 8 km, in una delle zone più vocate alla Barbera d’Asti. Attorno, solo campagna. A dare vita al locale è stato è Federico Ferrari, chef, con la socia Gaia FassoneFederico, come Gaia, è genovese classe 1989. Si è diplomato all'alberghiero di Sestri Ponente, dove la sua passione per la ristorazione ha iniziato ad assumere concretezza. Nei primi anni è stata fondamentale l'esperienza da Cesare Giaccone, dove ha imparato l’arte della tradizione e della semplicità e ha capito l’importanza della selezione degli ingredienti locali. Poi Londra, la Danimarca, gli stage da Enrico CrippaRiccardo AiachiniMatias Perdomo... L'esito di questo cursus honorum è Mirepuà: prima ospitato in un palazzo della vicina Rivalta Bormida, ora invece, appunto, a Il Cascinone. [...] Leggi l'intera recensione di Carlo Passera

Chiara Murra, A Casa Tu Martinu, Taviano (Lecce) 

Chiara Murra, A Casa Tu Martinu, Taviano (Lecce) 

A Casa Tu Martinu
(via Corsica 95, Taviano-Lecce, +3908331824188, www.acasatumartinu.com)
In un antico agrumeto con alberi secolari, che prende vita in una suggestiva corte interna, c'è un ristorante che ripensa con grazia le antiche tradizioni salentine. La giovane Chiara Murra vi coccolerà con le ricette tipiche apprese in famiglia e poi rese uniche dal suo tocco amorevole e personale. Si comincia con le Pittule calde da immergere in una preziosa riduzione di uve negroamaro, dal tocco agrodolce, per continuare con i frittini fatti in casa a mano con ingredienti freschi: crocchette di patate con la mentuccia, polpettine di carne profumate all’aglio e a base di legumi cotti a lungo. [...]  Leggi l'intera recensione di Annalisa Cavaleri

Carlo Sebastiani, Alice Vannicola e Maicol Pasquali, Da Sebastiani a Ortezzano (Fermo)

Carlo SebastianiAlice Vannicola e Maicol PasqualiDa Sebastiani a Ortezzano (Fermo)

Da Sebastiani
(via Giacomo Leopardi 11, Ortezzano-Fermo, +393937626820) 
Ortezzano è un delizioso comune medioevale, e collinare, di mille abitanti in provincia di Fermo. Lì Carlo Sebastiani, classe 1989, nato nel capoluogo e diplomatosi all’alberghiero di Porto Sant’Elpidio, ha inaugurato il 2 giugno 2021 il ristorante che porta il suo cognome: Da Sebastiani. Delizioso e rassicurante, senza pandemia avrebbe aperto nella primavera 2020. La cosa che mi ha colpito in questo chef è la concretezza, scelta dopo scelta. Al Pepenero di Cupra Marittima, Sebastiani ha avuto la fortuna di legare con colui che tuttora è il suo aiuto, Maicol Pasquali, fermano di Porto San Giorgio, l’unico con lui in cucina mentre Alice Vannicola è la responsabile di sala e cantina, di soli vini marchigiani, pronta nei giorni di riposo a cercare tartufi con Carlo e il loro cane Zac.[...] ​ Leggi l'intera recensione di Paolo Marchi