Mosbet
Library zlibrary project
Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza.
Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora!
Top 10 best online casino sites from Outlookindia
Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

24-02-2015

Metti Pepe all'Erba Brusca

Cronaca di un'interessante cena a Milano con la cantina abruzzese e i piatti di Alice Delcourt

Sofia Pepe della cantina abruzzese Emidio Pepe di

Sofia Pepe della cantina abruzzese Emidio Pepe di Torano Nuovo (Teramo) con Danilo Ingannamorte, maître e sommelier dell'Erba Brusca di Milano. Una serata all'insegna di Montepulciano e Trebbiano d’Abruzzo (foto Francesca Bertani)

Venerdì scorso abbiamo preso parte all’Erba Brusca, il gran bel ristorante con orto situato lungo i Navigli milanesi, a una degustazione dei vini Emidio Pepe. Questa celebre cantina abruzzese si trova a Torano Nuovo, tra le sinuose Colline Teramane: i 12 chilometri che distanziano il mare e i venti dal Gran Sasso donano a queste terre un microclima fortunato. L'azienda si regge in piedi sulla fatica di 4 generazioni tutte dedite all’arte vitivinicola, dallo stesso Emidio Pepe alla nipote Chiara, presente alla serata milanese con Sofia Pepe, la figlia del capostipite e la persona che ci ha guidati nella degustazione.

Già nel 1899 il primo Emidio Pepe della famiglia era conosciuto grazie al suo vino e quarant’anni dopo suo figlio Giuseppe lo vendeva sfuso. Nel 1964 un altro Emidio, nipote del fondatore dell’azienda, ha iniziato a imbottigliare il suo “oro nero”, il Montepulciano d’Abruzzo, e da lì è cominciata l’avventura enoica.

Agnello in cassetta con mizuna e cachi mela, in abbinamento a un Trebbiano 2012

Agnello in cassetta con mizuna e cachi mela, in abbinamento a un Trebbiano 2012

Il team in vigna oggi comprendere Sofia, la sorella Daniela e Chiara che affianca Emidio non solo sul territorio ma anche in cantina e sul mercato nazionale ed estero. Sofia ci illustra le dimensioni dei possedimenti, un totale di 15 ettari, otto e mezzo dei quali dedicati alla coltivazione di Montepulciano e i restanti di Trebbiano d’Abruzzo. In vigna non usano prodotti chimici né diserbanti ma solo zolfo, acqua di rame e preparati biodinamici. «La nostra», afferma con orgoglio, «è una spremuta d’uva: potremmo bercene anche un’intera bottiglia senza poi soffrire di hangover la mattina seguente. La raccolta viene effettuata rigorosamente a mano, come la diraspatura; mentre la pigiatura si effettua ancora all’antica: coi piedi».

I vini non effettuano nessun passaggio in legno, ma solo in vasche di cemento. Nei 1.200 metri quadrati di cantina gli unici materiali usati sono cemento e vetro: questo perché non cedono nulla in fatto di gusto e sapore e il vino «rimane giovane», afferma. Successivamente, il vino effettua una fermentazione naturale, senza l’aiuto di lieviti aggiunti. A novembre la cantina ha festeggiato i cinquant’anni di attività con una grande verticale e a un certo punto del racconto Sofia sceglie un paragone illuminante: «I vini giovani sono come i bambini: puoi parlarci un attimo, ma nulla di più. Mentre quelli invecchiati sono come gli anziani: hanno da raccontare una storia, possono sembrare fragili e delicati, ma allo stesso tempo sono di una complessità unica».

Da sinistra, Sofia Pepe, l'importatore di vini Dan Lerner e Alice Declourt, chef franco-americana dell'Erba Brusca

Da sinistra, Sofia Pepe, l'importatore di vini Dan Lerner e Alice Declourt, chef franco-americana dell'Erba Brusca

I piatti della chef Alice Delcourt non hanno deluso le aspettative: alla Vellutata di sedano rapa con mele, saba e yogurt di bufala è stato abbinato un buon Trebbiano del 2012, come per l’Agnello in cassetta con mizuna e cachi mela. Se questo vino copriva un poco il primo piatto, il secondo è stato in grado di esattare il sapore ricco della carne cucinata con sapienza.

Assieme al Risotto con fegatini alle erbe, pere e cipolle caramellate abbiamo gustato, invece, un Montepulciano del 2010, piuttosto tannico. Abbinato all’ultimo piatto salato, una Coscia di cervo brasata al Montepulciano con patate e topinambur arrosto, è stato servito un ottimo Montepulciano del 2001, gradazione alcolica 14% vol., perfetto con questo piatto. Last but not least, Torta di polenta e miele con gelato al polline e yogurt, granola e composta di agrumi e rosmarino, abbinata inizialmente a un Montepulciano del 2000. E qui è arrivata la sorpresa: la famiglia ha portato una piccola chicca da gustare, un Montepulciano del 1983. Valeva tutti i vini messi assieme. Una splendida chiusura per un’ottima cena.


In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo

a cura di

Chiara Nicolini

Master in Food&Wine Communication, programmatrice ossessiva, si perde in un buon bicchiere di vino. Ligure di nascita, milanese d'adozione

Consulta tutti gli articoli dell'autore