Host: la tecnologie della cucina

Presentato a Identità Expo il grande evento di fine ottobre a Rho. Con Identità Future sugli scudi

14-07-2015
Da destra a sinistra, Riccardo Monti (presidente I

Da destra a sinistra, Riccardo Monti (presidente Ice), Alberto Caprari (presidente di Anima), Corrado Peraboni (ad di Fiera Milano) e Angela Borghi (Trade-lab). Erano presenti questa mattina a Identità Expo S.Pellegrino per la presentazione della 39ma edizione di Host, la manifestazione leader mondiale per le filiere horeca, foodservice, retail, gdo e hôtellerie, che avrà luogo in fieramilano a Rho da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2015. Nel ricco programma, reciterà un ruolo importante Identità Golose con il palinsesto "Identità Golose Future"

E’ un martedì mattina caldo e importante quello di oggi, con gli stati generali di Host saliti al primo piano di Identità Expo S.Pellegrino per presentare a una nutrita platea la 39ma edizione del Salone dell'ospitalità professionale leader mondiale, rivolto ai professionisti dell’horeca.

Cos’andrà esattamente in scena a Rho, da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2015, in chiusura di Expo, nell’attigua Fieramilano? Il lavoro di 1.900 espositori, 40% dei quali espositori internazionali (percentuale record), che saranno passati al setaccio da 135mila visitatori. Un concentrato di lifestyle e tecnologie, di nuovi format della ristorazione e creatività spalmati in 14 padiglioni e 3 macro-aree: ristorazione professionale con pane-pista-pizza; caffè-tè con Sic (Salone internazionale del caffè, bar-macchine per caffè-vending e gelato pasticcera; arredo e tavola.

A corredo, una girandola di eventi e appuntamenti con protagonisti importanti. Noi di Identità diremo la nostra con “Identità Golose Future”, «Un progetto», ha spiegato a fine conferenza Paolo Marchi, «che segue non tanto i cambiamenti nelle ricette e i gusti in sé, quanto delle tecnologie che segnano l’evoluzione e tracciano gli scenari futuri. Vogliamo portare un oggetto nuovo e farcelo spiegare: macchinari che possono significare una svolta». Soprattutto, «sarà molto forte l’idea di coniugare le tecnologie con naturalità e gusto. Tutto questo sempre in linea con la filosofia di Identità Golose, che mette sempre al centro l’uomo: il cuoco». 

Paolo Marchi illustra Identità Golose Future (al padiglione 4): il format prevederà 3 appuntamenti al giorno, con 2 interpreti (un esperto e un cuoco), cooking-show e assaggi alla scoperta di macchinari e tecniche

Paolo Marchi illustra Identità Golose Future (al padiglione 4): il format prevederà 3 appuntamenti al giorno, con 2 interpreti (un esperto e un cuoco), cooking-show e assaggi alla scoperta di macchinari e tecniche

«Siamo un paese con una grande filiera industriale e una storica tradizione fieristica», aveva aperto l'incontro Riccardo Monti, presidente di Ice, Italian Trade Agency, « per questo dobbiamo mostrare quel che sappiamo fare, a casa nostra. E la ristorazione è un settore in cui ce la giochiamo benissimo. Basti dire che in Cina, ogni 3 ristoranti francesi, ce ne sono 7 italiani».

Alberto Caprari, presidente di Anima, federazione dell’industria meccanica, aveva aggiunto un concetto importante: «Siamo molto famosi nel mondo per il nostro cibo. Se si vuol mangiare bene e stare bene di salute, tutti sanno che con la cucina italiana non si sbaglia. Ma per farlo occorre anche una grande dotazione tecnologia. Host è fondamentale perché porta da noi i buyer e fa loro toccare con mano le soluzioni di cui siamo capaci».

Per Corrado Peraboni, amministratore delegato di FieraMilano: «Tra espositori e visitatori non c’è un solo paese che non sia rappresentato a Host. Siamo una presenza capillare sui mercati internazionali. E con una serie di iniziative di internazionalizzazione proprio con Host dimostreremo che il nostro mercato non si rassegna a essere secondo, dietro alle fiere tedesche».

Sono 1.748, il 38% da paesi extra-italiani, gli espositori che hanno già aderito a Host 2015. Incontreranno 135mila professionisti e 1.500 buyer da 60 Paesi

Sono 1.748, il 38% da paesi extra-italiani, gli espositori che hanno già aderito a Host 2015. Incontreranno 135mila professionisti e 1.500 buyer da 60 Paesi

La chiusura è dedicata a un’importante indagine di mercato di Angela Borghi di Trade-lab: «I consumi alimentari in Italia ammontano a 223 miliardi di euro, il 32% del quale è dedicato al consumo fuori casa, un flusso notevole e anche in crescita: siamo il terzo mercato in Europa e con ampi spazi di crescita. Soprattutto, stanno cambiando le tipologie di ristorazione, che offrono al mondo inediti modelli ed esperienze di rapporto al cibo». A fine ottobre ne sapremo molto di più.


Rubriche

Identità Expo

Attività, idee e protagonisti dello spazio di Identità Golose all'Esposizione Universale 2015


Olio Coppini