Fattoria della Talosa e le diverse anime del Vino Nobile di Montepulciano

La storica cantina riscopre le sue diverse zone: la conferma dalla degustazione dei Filai Lunghi e della Riserva

25-07-2021
La cantina storica di Fattoria della Talosa nel cu

La cantina storica di Fattoria della Talosa nel cuore di Montepulciano

Si fa presto a dire Vino Nobile di Montepulciano. Perché in circa 2mila ettari vitati della zona, con altitudini variabili tra i 250 e 580 metri sopra il livello del mare, si hanno grandi differenze anche a brevi distanze.

Una situazione che è ben nota, tanto che il Consorzio ha avviato il progetto delle Pievi, con la suddivisione in 12 Uga (Unità geografiche aggiuntive), le Pievi, appunto, che rappresentano le diverse aree in cui era suddiviso il territorio già dall'epoca tardo romana e longobarda. Altro fattore importante è quello dell’utilizzo del Sangiovese e dei soli vitigni autoctoni complementari ammessi dal disciplinare.

Alcuni dei vigneti dell'azienda

Alcuni dei vigneti dell'azienda

Ma alcune singole aziende, già consce del potenziale dei loro singoli terroir, avevano già anticipato questi concetti, valorizzando le singole aree produttive. Un esempio arriva da Fattoria della Talosa, che oltre al Nobile Alboreto, ha in produzione anche il Filai Lunghi. «Nella zona più verso Montepulciano – spiega il sales manager Cristian Pepi – abbiamo alcuni terreni sabbiosi. Il nostro enologo Michele Merola, nel 2007, decise proprio di andare a differenziare questi vigneti da quelli che guardano verso il monte Follonico, dove c’è una maggiore presenza di argilla».

Così nasce il Filai Lunghi, un Nobile che punta tutto sulla ricerca della eleganza e della finezza. I terreni più argillosi, invece, che quindi possono conferire una maggiore struttura al vino, sono stati destinati alla Riserva. Per entrambi, Sangiovese in purezza.

Le bottiglie di Riserva e Filai Lunghi in degustazione

Le bottiglie di Riserva e Filai Lunghi in degustazione

Durante una piacevole serata a Montepulciano, non lontano dalla cantina storica dell’azienda (per gli appassionati è sicuramente un luogo da visitare), c’è stata la possibilità di assaggiare le annate 2013, 2015 e 2016 di Filai Lunghi (il 2014 non è stato prodotto), e il 2014, 2015 e 2016 della Riserva. Con un’annotazione particolare: «Ci tenevamo ad assaggiare la 2014 – spiega Cristian Pepi – perché è stata un’annata molto difficile, dove però l’azienda si è messa a lavorare in maniera estremamente precisa e, forse, anche un po’ morbosa, per selezionare in quell’anno i 30 diversi tipi di Sangiovese prodotti, per poi andare a lavorarli in maniera separata, in 30 modi diversi, e affinarli in 30 modalità differenti, per poi unirli in una bottiglia sola».

Il Filai Lunghi, invece, non è stato prodotto. La spiegazione la dà ancora Pepi: «Era importante in un quell’annata difficile andare a premiare le base. Le uve provenienti dalle vigne dei Filai Lunghi sono state necessarie per elevare il Nobile».

La nuova splendida sala di degustazione

La nuova splendida sala di degustazione

In effetti la Riserva 2014, nel suo essere meno strutturata, è comunque un vino di grande espressione del Sangiovese. Certo, probabilmente non avrà una longevità enorme, ma ha una piacevolezza indiscutibile: non bisogna sempre pensare ai vini in prospettiva, ma anche nella loro “immediatezza”.

Di certo non è paragonabile alla 2013 di Filai Lunghi, vino deciso, ancora scalpitante e con una lunga vita davanti.

La Riserva 2014 è stata una bellissima sopresa

La Riserva 2014 è stata una bellissima sopresa

Si può però fare un interessante parallelo tra Filai Lunghi e Riserva per le annate 2015 e 2016: la prima annata molto elegante, la seconda molto equilibrate, ma entrambe vendemmie ottime. L’impressione è che il Filai Lunghi giochi su espressività più fini, con compostezza e linearità, e che nel bicchiere esce alla distanza, con complessità notevoli. La Riserva, invece, sembra avere da subito un impatto superiore, con note più di frutta matura e spezie. Ovviamente la longevità è un’arma che entrambi i vini hanno ben “affilata”.

Il concetto, in tal senso, è semplice: sono due vini diversi. Non perché realizzati in maniera differente, ma perché sono espressioni di due zone completamente diverse, per certi versi antitetiche. Il migliore? La scelta è personale: in questo caso il fattore gusto è fondamentale, ma siamo di fronte a due Nobile di Montepulciano con caratteristiche da grandi vini.


Rubriche

In cantina

Storie di uomini, donne e bottiglie che fanno grande la galassia del vino, in Italia e nel mondo