Grandi chef A Modo Mio

Oldani, Cannavacciuolo e Bottura incontrano l’autentico espresso italiano tra gusto e design

30-04-2013

Tre chef stellati italiani. Dieci miscele esclusive firmate Lavazza A Modo Mio. Un’affinità elettiva costruita intorno a un unico snodo: la passione per la pausa di qualità. E’ su questi assunti che nascono i nuovi video che vedono come protagonisti Massimo Bottura, Davide Oldani e Antonino Cannavacciuolo, a dire il gotha italiano e internazionale dell’alta gastronomia.

Differenti per stile, per filosofia e per approccio con la cucina d’autore, ecco che i tre chef trovano nell’eccellenza delle capsule Lavazza A Modo Mio la perfetta pausa da gustare personalmente. Ed è intorno a questa passione che i tre chef si raccontano durante una pausa caffè, rivelando ispirazioni, sogni e la loro filosofia di artisti dell’alta gastronomia. Ciascun video è costruito intorno alle note aromatiche delle capsule Lavazza che, nell’ispirare lo chef, lo conducono ad associazioni spontanee con il proprio stile gastronomico, fatto di estro, imprevedibilità e ricerca.

Ecco allora Massimo Bottura cittadino del mondo dall’animo e gusto italiano, raccontarsi dallo studio dell’Osteria Francescana, suo buen retiro. Rinnovatore della tradizione italiana, Bottura propone sperimentazioni fuori dagli schemi e, ispirato dalla miscela Divinamente dalle note vellutate e cioccolatate, realizza una ricetta geniale come il “Camouflage”. E ancora, eccolo parlare di etica ed estetica ispirato dalle note aromatiche, morbide e fruttate di Magicamente con la ricetta del Bollito non bollito e della sua passione per la materia prima e della stagionalità con la ricetta Foglie, che trae la propria ispirazione dalla miscela Soavemente, delicata, dal corpo leggero e note floreali. Ma è il Bottura del viaggio A/R Modena - New York, a raccontare di Tutte le lingue del mondo, ricetta che accompagna la scoperta del Caffè Crema Lungo Dolcemente, dolce, morbido, cremoso.

Per Davide Oldani invece si parla dei 5 sensi + 1. Come i 5 sensi infatti sono fondamentali nella composizione di una miscela di caffè, così nell’experience al tavolo di un ristorante stellato, la sensorialità per il giovane chef è parte integrante del menu. Quel + 1 è invece il Sesto Senso, rappresentato secondo Oldani da quella componente di talento e creatività che nasce dall’esperienza e diventa patrimonio di un grande chef o di un grande produttore di caffè: per lui, a rappresentare questa eccellenza, la miscela Appassionatamente, dal gusto armonioso, pieno e dolce.

La memoria poi, come un viaggio all’incontrèr, parte dalla degustazione per trasformarsi in un sapore che scende dal palato alla gola e che fa riaffiorare, attraverso le note aromatiche, ricordi di gusti e sensazioni del passato, qui ispirate dall’intensità e dal gusto rotondo e corposo della miscela Intensamente. Ma Oldani è innanzitutto il democratico pop, creativo per eccellenza. Ecco allora che la miscela Deliziosamente, morbida e dolce, con le proprie note aromatiche, porta con sé la forza dell’ispirazione e la nascita di nuove e originali creazioni di gusto.

Infine, Oldani e Lavazza hanno un grande rispetto per la stessa parola: la sostenibilità. Eccolo dunque raccontare la “sua versione” di cucina sostenibile, convertendo i valori di Lavazza nella sua esperienza e filosofia POP con la miscela Lavazza A Modo Mio ¡Tierra! Intenso dalle note cioccolatate intense e piene.

Ad Antonino Cannavacciuolo parlare di contrasti e di pause nell’interpretazione della propria cucina creativa, che unisce i sapori del Mediterraneo a quelli piemontesi e che viene perfettamente rappresentata dalla miscela Vigorosamente e da Cremosamente Dek. La sua pausa caffè, ora forte e corposa ora morbida e bilanciata, si sposa perfettamente con il vigore e la tecnica, la forza e l’attenzione, della sua cucina dove aromi e colori diversi si amalgamano dando origine a un'esperienza nuova che sa mantenere intatte le peculiarità di ogni elemento.