A Torino il Ristorante Europa per Eurovision Song Contest: il ricavato va a favore dell'Ucraina

06-05-2022

Dal 10 al 14 maggio apre nel capoluogo sabaudo il pop up creato da Tuorlo Magazine che coniuga il cibo con la musica pop, all’insegna dell’unione tra i popoli

Durante i giorni di Eurovision Song Contest, l’attesissimo festival musicale internazionale organizzato annualmente dai membri dell'Unione europea di radiodiffusione e previsto a Torino dal 10 al 14 maggio, Tuorlo Magazine, il magazine digitale video based ha creato un evento più unico che raro. Si chiama Ristorante Europa e attraverso il cibo e la musica pop crea un’occasione di incontro tra culture e personalità eterogenee per mandare un messaggio di comunione tra i popoli. Il ristorante pop up sorgerà negli spazi di EDIT Torino, il birrificio artigianale urbano nato nel 2017, in un quartiere dal carattere post-industriale e di grande fermento culturale.

Ristorante Europa sarà un vero e proprio esperimento di cucina, ispirato dal desiderio di superare i confini e le disuguaglianze, per un futuro all’insegna della condivisione e della pace. Nel pop up restaurant, ogni sera
è prevista una charity dinner con un menu paneuropeo ispirato alle cucine di tutti i Paesi partecipanti, creato per l’occasione da un team di chef italiani e internazionali. Durante le serate del 10, 12 e 14 sarà proiettata la diretta di Eurovision Song Contest.

Resident chef sarà Kseniia Amber, la chef ucraina che ha portato la sua testimonianza sulla situazione della guerra in corso già in occasione di Madrid Fusiòn il mese scorso e del congresso gastronomico Identità Milano appena concluso, e desidera raccontare la sua esperienza anche in questa occasione. La Amber sarà presente durante tutti i cinque giorni, con la volontà di farsi portavoce, insieme agli altri chef aderenti all’iniziativa, di un messaggio di pace e di unione tra i popoli.

Insieme a Kseniia Amber, che porterà la cucina autentica ucraina in chiave contemporanea, ci sarà ogni sera un gruppo di chef italiani e internazionali. In apertura il 10 maggio ci sarà il torinese Matteo Baronetto, insieme al sardo Nicola Bonora e al portoghese Pedro Almeida. Mercoledì 11 maggio ci saranno il fiorentino Simone Caponnetto insieme a Ohad Amzallag, chef di origine israeliana che lavora a Parigi, e al giovane Alexander Robles, peruviano che lavora a Torino. Giovedì 12 maggio un altro talento torinese, Stefano Sforza, insieme al londinese Daniel Morgan e all’albanese Rigels Tepshi e alla chef Karime Lopez di origine messicana, da lungo tempo in Italia. Venerdì 13 maggio sarà presente lo chef ligure Luigi Taglienti insieme al norvegese Ondrej Taldik e infine sabato 14 chiuderanno la modenese Laura Santosuosso con l’italo-grecə di stanza a Londra, Noah Dal Colle.

Il ricavato di Ristorante Europa, al netto dei costi, sarà devoluto a World Central Kitchen, un progetto dello chef statunitense Josè Andres, che si occupa di procurare cibo in risposta a crisi umanitarie e climatiche. In questi giorni, Wck sta supportando famiglie in fuga dall’Ucraina e persone rimaste ancora nel Paese, servendo pasti caldi anche con il supporto di tanti ristoranti locali.

Oltre alle cene di Ristorante Europa, nel corso delle 5 giornate avranno luogo gli Eurovisionary Talk, incontri sul tema della cucina, dell’inclusione sociale, dei viaggi e della sostenibilità, a cui interverranno chef, giornalisti e
influencer. Inoltre ci sarà la speciale presenza di alcuni cantanti di Eurovision, che saranno invitati a partecipare ed esibirsi durante l’orario dell’aperitivo.

Il programma completo di Ristorante Europa è consultabile sul sito www.ristoranteuropa.com. Per partecipare alle cene è necessario prenotare acquistando il biglietto sul sito. I talk invece saranno ad accesso libero con possibilità di acquistare una consumazione sul posto.