Cortina, il bis è servito

Programma e protagonisti di un weekend (5 e 6 settembre) con la grande cucina di montagna

01-09-2015
Torna, dopo la prima fortunata edizione del 2014,

Torna, dopo la prima fortunata edizione del 2014, Identità Cortina, evento che il prossimo weekend cercherà di dare valore alla cultura agroalimentare e alla gastronomia di montagna. Il clou in due eventi: cena sabato 5 a La Corte del Lampone del Rosapetra Resort di Cortina con Favrin, Gaspari, Niederkofler e Alfio Ghezzi (costo 80 euro, prenotazioni +39.0436.861927). E brunch domenica 6 al Brite de Larieto con i piatti di Gaspari, Favrin, Scabin e Alverà (30 euro, prenotazioni +39.368.7008083 oppure +39.328.7288665)

Una cena con protagonisti di rilievo sabato 5 sera e un brunch d’autore apparecchiato per l’indomani, domenica 6, nel cuore delle Dolomiti. È l’estrema sintesi della seconda edizione di Identità Cortina, un format concepito per la prima volta l’anno scorso a luglio da Identità Golose, che quest’anno bissa con lo stesso identico proposito: «Dare valore alla cultura agroalimentare e alla gastronomia di montagna», spiega Paolo Marchi, ideatore e curatore dei contenuti della rassegna.

«Circondati quasi ovunque dal mare», approfondisce il concetto Marchi, «ci dimentichiamo che in realtà il nostro Paese è quasi ovunque montano, dalle Alpi - che iniziano a Ventimiglia e finiscono in pratica a Trieste – agli Appennini che scendono fino al Sud più remoto. L’agricoltura italiana di montagna è incredibile perché regala una grande varietà di sapori e intreccia il suo sapere con quello di tante culture extranazionali: la Francia, la Svizzera, l’Austria. Tutti prodotti e tecniche che vorremmo fossero valorizzati per quello che meritano».

Il Salmerino di Preore, orzo tostato, carote, albicocche e crescione presentato nel 2014 da Alfio Ghezzi. Lo chef della Locanda Margon sarà presente anche quest'anno

Il Salmerino di Preore, orzo tostato, carote, albicocche e crescione presentato nel 2014 da Alfio Ghezzi. Lo chef della Locanda Margon sarà presente anche quest'anno

Identità Cortina 2 si apre il 5 settembre alle ore 20 al ristorante La Corte del Lampone del Rosapetra Resort, con il benvenuto multiplo dello chef di casa Alessandro Favrin: La quaglia sale in Ampezzo, Battuta di manzo ai frutti di bosco e con mantecato allo stravecchio ampezzano, Chupa chups al fegato grasso d'oca e nocciole, Canederli in ricotta su spuma di parmigiano (e doppio aperitivo con Prosecco Superiore di Valdobbiadene 52 Brut Rive di Refrontolo 2014 di Santa Margherita e Grande Cuvèe Pinot Bianco Spumante di Kettmeir).

Con lui in cucina, 4 colleghi d’eccezione: Riccardo Gaspari di El Brite de Larieto (che preparerà il suo “Panino al formaggio”, servito con un calice di Luna dei Feldi Alto Adige Doc 2014 Santa Margherita), Davide Scabin del Combal.Zero di Rivoli, Torino (Tagliatella Transalp Express. Ovvero, se le tagliatelle Monograno Felicetti vanno in montagna... in abbinamento a Chianti Classico Etichetta Bianca 2012 Lamole di Lamole) e Norbert Niederkofler del St. Hubertus all’Hotel Rosa Alpina di San Cassiano a Bolzano (Filetto di cervo con ribbla di patate, mirtilli selvatici e funghi con Lagrein Riserva Athesis Alto Adige 2011 di Kettmeir) e Alfio Ghezzi della Locanda Margon di Trento (Salmerino alpino, carpione di cipolla e salsa agra di uova di trota con Trentodoc Ferrari Riserva Lunelli 2006 di Cantine Ferrari).

Chiuderà il percorso ancora Favrin con un Omaggio alle dolomiti (con Moscato Rosa Athesis Alto Adige 2011 di Kettmeir) tutto da scoprire. Il costo della cena è di 80 euro a persona (prenotazioni direttamente al ristorante: +39.0436.861927). 

Foto di gruppo da Identità Cortina 2014. Al centro si riconosce Massimo Bottura

Foto di gruppo da Identità Cortina 2014. Al centro si riconosce Massimo Bottura

Domenica 6 settembre, dalle 12.30, tutti nei prati attorno al Brite de Larieto, che si trasformerà in un circuito arricchito da tante isole golose. A presidiarle con i padroni di casa Ludovica e Riccardo Gaspari (autore de Il Nido del bosco), lo stesso Alessandro Favrin (Tortello ripieno con capretto), ancora Davide Scabin (Polenta C&C L.A.L., sigla che sta per Cortina & Capri Luxury Air Line), il sardo Oliver Piras del ristorante Aga di San Vito di Cadore a Belluno (Polpetta di rapa rossa alle erbe e carota in carpione di carota) e Massimo Alverà della Pasticceria Alverà di Cortina d'Ampezzo (Nuvola, una piccola brioches al lievito madre e farina integrale con sciroppo di sambuco e una mousse di ricotta e miele millefiori all’interno). L'isola Wine prevederà il servizio di grandi calici delle stesse bollicine, bianchi e rossi della cena della sera prima. Costo del brunch 30 euro a persona (info e prenotazioni, +39.368.7008083 oppure +39.328.7288665).


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola