Milano: Eugenio Boer dopo la stella lascia Essenza, al suo posto Torretta

01-12-2017
In primo piano a destra, Eugenio Boer, con tutto lo staff del ristorante Essenza, Milano. Seduto al suo fianco, il maitre e sommelier Damian Janczara. Entrambi lasciano l'insegna, gratificata dalla stella Michelin appena due settimane fa

In primo piano a destra, Eugenio Boer, con tutto lo staff del ristorante Essenza, Milano. Seduto al suo fianco, il maitre e sommelier Damian Janczara. Entrambi lasciano l'insegna, gratificata dalla stella Michelin appena due settimane fa

Solo due settimane aveva conquistato la stella Michelin, al fianco del suo maestro più importante, Norbert Niederkofler. E ora lascia il ristorante Essenza (leggi la scheda sulla Guida di Identità Golose, a firma Lisa Foletti, la terremo online ancora per poche ore). La voce girava da qualche tempo e ora c’è una tacita ufficialità: Eugenio Boer non è più al timone di cucina del ristorante in via Marghera a Milano.

Chef ligure-olandese, con importanti esperienze nel curriculum al fianco di Alberto Rizzo a PalermoKolja Kleeberg a BerlinoGaetano Trovato Colle Val d'Elsa e soprattutto Norbert Niederkofler in Val Badia, Boer era entrato per la prima volta sui taccuini dei cronisti milanesi con Enocratia, un fenomeno cult in cui era il vino a dettare la linea di cucina a un menu molto creativo (i più ricorderanno la Tartare di cuore di cervo, piatto simbolo dell’epoca).

Il tempo di occuparsi della cucina di Elita Bar sui Navigli, di lanciare Fish Bar e Meat Bar ai margini di Brera e, nel gennaio 2015, il lancio di Essenza, il progetto più ambizioso. Con lui, lascia il ristorante anche Damian Janczara, il regista di sala e cantina, di origini polacche.

La cura del menù di Essenza è stata affidata a Matteo Torretta, che continuerà a essere lo chef di Asola in centro a Milano. Si tratta quindi di una consulenza.