Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora! Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza. Library zlibrary project Mosbet
Top 10 best online casino sites from Outlookindia OLX88 Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

Umberto Montano

Mercato Centrale Roma

via Giovanni Giolitti, 36
00185 Roma
+390646202900

Umberto Montano, classe ’56, nasce a Matera e cresce nel paesino di Stigliano. Agli inizi degli anni Ottanta si traferisce a Firenze e si dedica all’insegnamento nella scuola come docente nell’istituto alberghiero Saffi del capoluogo toscano. Poco dopo la decisione di dedicarsi alla ristorazione «dove sgambettavo da quando ero un quattordicenne studente dell’alberghiero» – con l’apertura del ristorante Alle Murate, che per i primi anni gestisce con il solo aiuto del padre. Montano vede crescere nel tempo la propria consapevolezza imprenditoriale e il progetto del locale cresce di pari passo, tanto da ottenere l’apprezzamento di pubblico e critica.

Nel 2014 la svolta della vita, con l’idea e la successiva realizzazione del format Mercato Centrale, di cui è presidente del consiglio di amministrazione. La prima apertura - 23 aprile 2014 - è a Firenze, sopra il mercato giornaliero, cui seguono Roma – nella Stazione Termini, nel 2016 – e Torino, nel 2019. Dell'aprile 2020 quella di Milano, riqualificando un'area della Stazione Centrale.

L’idea che è alla base di Mercato Centrale è il rispetto dell’identità dei protagonisti del cibo italiano, gli artigiani. «Offriamo ai visitatori la possibilità di assaggiare differenti prodotti proposti e cucinati da chi li vende e ne è un esperto (quindi la bistecca cotta e servita dal macellaio, il fritto di pesce preparato sul momento dalla pescheria, eccetera). Abbiamo dunque l’obiettivo di salvaguardare professionalità e porre gli artigiani al centro dell’attenzione» e, perché no, del business. Un progetto che marcia veloce, già prima dell'aperura milanese contava circa 1200 addetti impiegati e 8 milioni di clienti l’anno, di cui 3 milioni e mezzo solo a Firenze. «Sono convinto che si debba essere gastronomicamente colti - dice Montano – Senza però scordare che la bontà è elementare: tutti hanno diritto di dire “mi piace o non mi piace”, non dimentichiamo la pancia e il cuore, intimamente coinvolti quando si parla di cibo».

a cura di

Amelia De Francesco

Napoletana di nascita e lucchese di adozione, parte dalla critica letteraria per arrivare poi a raccontare di cibo e di vino (che sono anche le sue passioni). Adora viaggiare e va matta per la convivialità che si crea intorno alla tavola