S.Pellegrino Young Chef, il 30 aprile si chiudono le iscrizioni

18-04-2017

La prima fase del progetto di scouting di S.Pellegrino, rivolto a talenti della cucina under 30 (possono partecipare i nati dopo l’1 maggio 1986, ndr), sta per volgere al termine. Alla mezzanotte del prossimo 30 aprile, infatti, chiuderanno le iscrizioni per partecipare al contest internazionale che decreterà il miglior giovane chef al mondo: il S.Pellegrino Young Chef, appunto. 

Un’opportunità unica per far conoscere il proprio talento, presentando la ricetta di un primo o di un secondo, e mostrare le proprie doti tecniche e creative; non c’è un tema da rispettare ma semplicemente l’indicazione di realizzare un piatto d’autore che sia coerente, sostenibile e capace di rappresentare l’italianità nel mondo. A decretare i migliori 10 semifinalisti italiani sarà una commissione tecnica di Alma, il centro internazionale di educazione e formazione dedicato alla cucina Italiana. 

Ogni ricetta pervenuta verrà valutata sulla base delle cinque “regole d’oro”: Ingredienti - Selezionare i migliori ingredienti offerti dal mercato in termini di qualità, freschezza e unicità, per ottenere l’eccellenza in termini di gusto. Capacità - Manipolare le materie prime e trasformarle in un piatto che rispetti la loro essenza originaria. Genio - Esplorare prospettive innovative e nuove sfide in relazione alla cultura dell’alta cucina con uno stile personale e contemporaneo, mantenendo sempre un perfetto equilibrio di sapori. Bellezza - Presentazione del piatto, dando un arricchimento estetico al suo contenuto. Messaggio - Comunicare un messaggio chiaro attraverso il proprio lavoro e la propria vision.

Da questa prima selezione emergeranno quindi i migliori 10 talenti del nostro Paese pronti a contendersi il titolo di miglior giovane chef italiano in occasione della finale nazionale, in programma a settembre a Milano, conquistandosi così la possibilità di rappresentare l’Italia alla finalssima internazionale del S.Pellegrino Young Chef.

Chi saprà meglio sfruttare le 5 ore messe a disposizione per ricreare il proprio piatto d’autore e presentarlo alla giuria italiana, che per questa terza edizione sarà composta da Carlo Cracco, Cristina Bowerman, Caterina Ceraudo, Loretta Fanella, Ciccio Sultano, Anthony Genovese, quest’ultimo nominato chef mentore?

Sarà quindi il patron del ristorante romano Il Pagliaccio ad accompagnare il vincitore della tappa italiana verso la finale internazionale, in programma a giugno 2018, aiutandolo a migliorare il signature dish che rappresenterà l’Italia alla gara con gli altri 20 migliori chef provenienti da tutto il mondo. Dopo Paolo Griffa e Alessandro Rapisarda chi sarà il vincitore italiano del S.Pellegrino Young Chef? Per iscriversi, clicca qui. (Francesca Zottola)