Il digitale e la viticoltura: le Donne della Vite a Fieragricola

01-02-2018

Convegno venerdì 2 febbraio a Verona su "Dal campo al calice di vino: digitale + sostenibilità per lo sviluppo della produzione viticola"

Si terrà nell'ambito di Fieragricola 2018 (il 2 febbraio, presso l'Area Convegni Enovitis nel padiglione 4 di Veronafiere, alle ore 11) l'evento "Dal campo al calice di vino: digitale + sostenibilità per lo sviluppo della produzione viticola", organizzato da Image Line in collaborazione con l'associazione Donne della Vite e Tergeo.

Tappa conclusiva di AgroInnovation Tour - il "viaggio" iniziato nel'aprile del 2016 e che Imageline ha compiuto lungo l'Italia per portare all'attenzione di agricoltori, consulenti e distributori le potenzialità offerte dal digitale all'agricoltura di oggi e domani e discuterne con loro, per condividere idee, progetti e soluzioni - l'evento di Fieragricola vedrà la partecipazione attiva delle Donne della Vite, che saranno protagoniste di ben tre tra gli interventi (il programma completo è consultabile qui).

A chiarire i motivi della partecipazione dell'associazione all'evento è Valeria Fasoli, presidente Donne della Vite, cui spetterà il compito di aprire i lavori: «Donne della Vite e digitale: perché? Le Donne della Vite hanno tra i loro fini, e al contempo tra i loro principi, quello di perseguire e promuovere una viticoltura sostenibile. Ma l'agronomia sostenibile oggi non può prescindere dalla conoscenza di leggi, norme di etichettatura, regolamenti e disciplinari in continuo aggiornamento. Il digitale e le web-application (programmi di gestione informatica) aiutano senza ombra di dubbio nel difficile compito di stare al passo con i tempi. Per l'agronomo sostenibile che si occupa anche di difesa delle colture oggigiorno è indispensabile poter consultare ovunque e in breve tempo schede di sicurezza e normative europee, ma anche georeferenziare le tecniche agronomiche e contestualizzarle a livello di coltura, regione di coltivazione e sito specifico. Le Donne della Vite reputano l'aggiornamento professionale un punto fermo, indispensabile per svolgere al meglio il loro lavoro e dare un contributo etico, in particolare, a quella parte della filiera produttiva che coinvolge la gestione del vigneto»

Isabella Ghiglieno, Donna della Vite e in forza presso lo studio agronomico Sata di Brescia, porterà casi pratici esemplificativi di cosa significhi produrre vino in modo sostenibile con l'ausilio del digitale. E sarà ancora una Donna della Vite, Giovanna Tantini, produttrice e titolare dell'omonima azienda in Castelnuovo del Garda (Verona), a chiudere l'evento. Durante una degustazione che condurrà insieme a Ivano Valmori, ceo e fondatore di Image Line, racconterà la sua visione di sostenibilità nella filiera vitivinicola.

Per partecipare all'evento è necessario pre-registrarsi compilando il form online a questo indirizzo.