IG2017 - date

S.Pellegrino Young Chef 2016: vince Lienhard, premio Rapisarda

Lo chef statunitense trionfa nella finale. Trofeo all'italiano per la migliore reinterpretazione

15-10-2016
Mitch Lienhard, chef del ristorante Manresa a Los Gatos, California, in rappresentanza degli Stati Uniti è stato incoronato S.Pellegrino Young Chef 2016. Con il suo signature dish, Roasted duck with spiced orange and yam (Anatra arrosto con arancia speziata e papata dolce), grazie anche ai consigli della chef mentore Dominique Crenn, l'americano è emerso tra i venti finalisti in gara da tutto il pianeta come il migliore Young Chef al mondo

Mitch Lienhard, chef del ristorante Manresa a Los Gatos, California, in rappresentanza degli Stati Uniti è stato incoronato S.Pellegrino Young Chef 2016. Con il suo signature dish, Roasted duck with spiced orange and yam (Anatra arrosto con arancia speziata e papata dolce), grazie anche ai consigli della chef mentore Dominique Crenn, l'americano è emerso tra i venti finalisti in gara da tutto il pianeta come il migliore Young Chef al mondo

E’ l'americano Mitch Lienhard, chef del Manresa a Los Gatos (California), con il piatto Anatra arrosto con arancia speziata e patata dolce, il vincitore di S.Pellegrino Young Chef 2016.

Ha prevalso sugli altri due finalisti, il francese di origine asiatica Shintaro Awa, sous chef dell'Hotel le Bristol Epicure a Parigi, con il piatto Air cured mackerel with potatoes (Maccarello con patate); lo spagnolo David Andrés, chef dell'ABaC Restaurant di Barcellona, con il piatto Sheep's milk, artichoke pistils, baby lamb meat and pine smoke (Latte di capra, pistilli di carciofo, agnello e fumo di pino).

Il piatto vincitore

Il piatto vincitore

Ma una soddisfazione inattesa è giunta anche per l’italiano Alessandro Rapisarda, che era stato escluso ieri dalla finalissima a tre: ha infatti vinto il premio speciale Acqua Panna per la migliore reintepretazione di un piatto della tradizione, l’Acqua Panna Contemporary Tradition Award. Il premio è stato assegnato al piatto che meglio ha saputo proporre elementi della tradizione in modo contemporaneo: il suo Risotto alla “marinara” (per saperne di più, leggi qui) ha pienamente convinto la giuria, composta da Gaggan Anand, Elena Arzak, Mauro Colagreco, Carlo Cracco, Wylie Dufresne, David Higgs e Roberta Sudbrack. «Sono felice di aver inserito la mia regione, le Marche, nella mappa di S.Pellegrino Young Chef» ha dichiarato Rapisarda, emozionato, dal palco.

Il Risotto alla "marinara" di Rapisarda

Il Risotto alla "marinara" di Rapisarda

Così aveva descritto la sua ricetta: «E’ un omaggio all’intensità e ai sapori del mare. La materia che ho utilizzato è “nuda e cruda” allo scopo di esprimere al meglio l’essenza del gusto e lavorare sulla struttura». Con questa preparazione aveva vinto la selezione italiana del premio internazionale (lo abbiamo raccontato qui). E il suo mentore, Davide Oldani, gli aveva fornito tutti i suggerimenti tecnici (leggi qui) per poter ben figurare. E così è stato.

Il processo di valutazione si è basato sui criteri forniti da cinque “Regole d’Oro”: ingredienti, capacità, genio, bellezza e messaggio. La cerimonia di premiazione del S.Pellegrino Young Chef 2016 è stata seguita da una cena di gala preparata da Massimo Bottura.

Onori però innanzitutto per Mitch Lienhard. Iscrive il suo nome in un albo d’oro che già comprende quello dell'irlandese Mark Moriarty (leggi qui), vincitore della prima edizione del concorso, lo scorso anno. S.Pellegrino Young Chef cerca i migliori talenti culinari under 30 in tutto il mondo. Essere incoronato S.Pellegrino Young Chef 2016 offrirà a Mitch Lienhard l’occasione di acquisire una visibilità mondiale e gli darà una significativa spinta professionale, così come l’opportunità di partecipare a molti eventi organizzati da S.Pellegrino in giro per il mondo, inclusi, ma non solo, quelli collegati direttamente al concorso Young Chef.

Quest’anno la cerimonia finale ha inoltre incluso l’assegnazione un secondo premio aggiuntivo dal titolo Inspiring Message Award by S.Pellegrino. A decretare il vincitore in questo caso è stato il pubblico da casa votando sul sito www.finedininglovers.com. Il premio è andato al messicano Daniel Nates in rappresentanza dell’America Latina.