Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora! Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza. Library zlibrary project Mosbet
Top 10 best online casino sites from Outlookindia OLX88 Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

Jordi Roca

El Celler de Can Roca

calle de Can Sunyer, 48
Girona, Spagna
+34.972.222157

Roca in spagnolo sta per roccia, pietra. Qualcosa di solido, sul quale costruire, ma anche il simbolo della provocazione e dello scandalo. Nonché, in una sequenza ternaria, l’emblema del Celler de Can Roca, sulle cui tavole l’ospite trova 3 ciottoli in rappresentanza delle diverse anime del ristorante. Ebbene, la terza pietra è quella lanciata nelle acque stagnanti della pasticceria da ristorante. La pietra di Jordi Roca, pronta a rimbalzare con balzo virtuosistico in un gioco psichedelico di suggestioni.

Per ragioni strettamente anagrafiche (fra lui e il primogenito Joan corrono 14 anni), Jordi è arrivato buon ultimo nella brigata del Celler, per la precisione nel 1997, al termine di un duplice apprendistato, nel ristorante di famiglia e presso la locale scuola alberghiera, dove ha studiato management. Qui ha girato tutte le partite prima di optare per la pasticceria, con la quale ha familiarizzato al fianco dello chef pâtissier inglese Damian Allshop, cui deve le fondamenta tecniche e la forma mentis del pasticciere. Si è imbevuto dello stile e delle tecniche targate Roca, gomito a gomito con Joan e Josep, che passavano al vaglio i suoi primi tentativi, mentre continuava ad arricchirsi grazie agli stages al Bulli e ai corsi di gelateria con il maestro italiano Angelo Corvitto. Ne è risultata una pasticceria cutting-edge in osmosi perfetta con il comparto salato, le frontiere sincronizzate nell’avanzata ma con il marchio di un diverso sorriso, talvolta persino goliardico e sguaiato.

La conversione in orgasmico dessert di un goal di Messi, la traduzione dolce di celebri profumi (un tour de force virtuosistico, ma anche l’esplorazione estrema della sinergia fra il gusto e l’olfatto, viatico delle emozioni secondo gli psicologi, esplorato al Celler come non mai), la lavorazione dello zucchero soffiato durante il servizio, l’insufflamento del fumo nei gelati in lavorazione, lo studio dei colori, attraverso la produzione di monocromi o la distillazione, tanto per fare qualche esempio, lo hanno catapultato nel gotha della gastronomia mondiale. C’è lui dietro il successo della gelateria Rocambolesc, che divulga la cultura dolce del Celler sulla strada di Girona.

Ha partecipato a

Identità Milano


Ultimogenito della trimurti di Girona, Jordi Roca, classe 1978, è lo chef pasticciere del Celler, leggendario tre stelle catalano. Nessuno come lui ha esplorato le potenzialità tecnoemozionali dell’universo dolce, coniugando il rigore e la ricerca con sottili implicazioni concettuali e giochi euforici o disforici avvincenti

a cura di

Alessandra Meldolesi

Umbra di Perugia con residenza a Bologna, è giornalista e scrittrice di cucina. Tra i numeri volumi tradotti e curati, spicca "6, autoritratto della Cucina Italiana d’Avanguardia" per Cucina & Vini