Valentina Rizzo

Farmacia dei Sani

piazza del Popolo, 14
73049 - Ruffano - Lecce
+393398332514

LEGGI LA SCHEDA SULLA GUIDA 2020

Fra i millennial che hanno ramazzato via dalla cucina salentina, due dita di polvere e retorica della tradizione, c’è Valentina Rizzo. Classe 1989, autodidatta, tranne un debito di riconoscenza per Paolo Lopriore e una puntata a Edimburgo lunga tre mesi e molte fermentazioni. Tatuata fin dove arriva la fantasia, gli occhi neri neri bistrati come la fattucchiera di una fiaba nordica e il sangue caldo come solo una femmina mediterranea. E devota ai fornelli come una ragazza d’altra generazione. La cucina, da gioco che era, ha dovuto farsela diventare mestiere. Quando mamma Ada, patrona dell’osteria di famiglia, le ha lasciato il posto ai fornelli e un vuoto grosso così nel cuore. Valentina aveva 22 anni. Così ha assunto il comando in cucina alla Farmacia dei Sani (il ristorante) che oggi fa il paio (o il pairing) con la Farmacia dei Contenti, ossia il cocktail bar. La terna di casa si spartisce le imprese. Roberto, il fratello maggiore, presidia la sala. Fabio, il secondogenito, fa la spola fra i tavoli e il bancone, dividendo lo shaker col mixologist Davide Angilè.

Siamo a Ruffano, Salento basso, micro-agglomerato urbano che accerchia la frazione di Torrepaduli: i maniaci del tamburello sanno che questa è la patria della pizzica a scherma. Valentina preferisce il sabba ai fornelli, dividendosi le giornate fra il bagnetto al lievito madre e i barattoli dove fermenta il suo Salento in conserva. «Devo tutto quello che so a mia nonna e mia madre Ada. Il rigore, quello lo ho appreso alla scuola di Lopriore. La curiosità di andare oltre l’ho alimentata in tre mesi magici trascorsi in Scozia nell’Edinburgh Food Studio di Ben Reade, dove mi sono fatta contagiare dall’adrenalina della ricerca e della sperimentazione. È da quella esperienza che è gemmato il progetto Cunserva, dove lo studio degli antichi metodi di conservazione è applicato ai prodotti che rappresentano l’espressione più autentica della mia terra».

Di questo è fatta la Farmacia di cucina. La cui storia coincide con quella degli Spaghetti alla colatura di alici, pistacchi e limone, un equilibrio riuscito fra dolcezze, sapidità pungente e un tocco di asprezza per far quadrare i conti.

a cura di

Sonia Gioia

Cronista di professione, curiosa di fatto e costituzione, attitudine applicata al giornalismo d’inchiesta e alle cose di gusto. Scrive per Repubblica, Gambero rosso, Dispensa