Davide Groppi

piacentino, classe 1963, erede del pensiero dell'amico e maestro Ingo Maurer che unisce arte, design e architettura. È geniale light designer con una crociata in testa: convincere gli chef dell'importanza della luce come ingrediente