Autunno in Franciacorta

Dal 29 ottobre al 1 novembre tante iniziative per enoturisti. A novembre il mese del Manzo all'olio

29-10-2016
Autunno in Franciacorta: long week alla scoperta d

Autunno in Franciacorta: long week alla scoperta delle bellezze naturali e paesaggistiche, delle bottiglie e dei prodotti

Un autunno colorato e divertente aspetta gli amanti dei sapori del territorio e del vino di alta qualità. Per il Ponte di Ognissanti, infatti, la Strada del Franciacorta organizza una "long week" alla scoperta delle bellezze naturali e paesaggistiche, dei vini e dei prodotti della Franciacorta. Dal 29 ottobre al 1 novembre cantine, distillerie, laboratori di prodotti tipici associati alla Strada del Franciacorta saranno aperti per accogliere gli enoturisti.

Chi ama i sapori autentici della tradizione non potrà perdere a novembre il Mese del Manzo all’olio. Il manzo all’olio infatti è una leccornia saporita e gustosa che scalda le giornate invernali, unendo in un piatto unico i sapori più veri delle tradizioni locali. Dal 1 al 30 novembre i ristoranti della zona si alleano per celebrare questa tradizione e rendere felici i golosi appassionati di bontà sostanziose, proponendo menu a base di questo prelibato piatto, simbolo della gastronomia franciacortina, che potrà essere degustato, con l’immancabile accompagnamento di polenta, ad un prezzo particolare.

A novembre si celebra il Mese del Manzo all’olio

A novembre si celebra il Mese del Manzo all’olio

La ricetta antica vuole che la preparazione avvenga il giorno prima perché la carne deve riposare nell’olio con aglio, prezzemolo e rosmarino tritati. Il pezzo intero viene cotto nello stesso olio e nel vino bianco per 2 ore in una pentola alta, poi lo si taglia a fette e si completa la cottura per circa 1 ora. I ristoranti che appartengono all’Associazione propongono un menù degustazione a prezzo fisso che comprende casoncelli della tradizione bresciana, Manzo all’olio di Rovato con polenta, dolce, acqua, caffè e coperto. All’iniziativa partecipano anche altri ristoranti locali che, oltre al Manzo all’olio, offrono antipasti misti, risotti, pasta fresca e vari tipi di contorni e di dolci.

Lo chef franciacortino una stella Michelin Stefano Cerveni, del ristorante Le Due Colombe di Borgonato di Cortefranca, ha creato una versione gourmet dello storico piatto. «Il Manzo all’olio concentra cinque secoli di storia del territorio e la mia fonte di ispirazione è quello che mangiavo da mia nonna Elvira – spiega Cerveni - Per rispondere alle esigenze di una clientela moderna, ho alleggerito la ricetta: faccio rosolare la carne con poco olio, aglio e acciughe, poi la copro con acqua e faccio cuocere per 3 ore e mezza, come un bollito. Verso fine cottura aggiungo le verdure di stagione per dare una componente vegetale al piatto. Per legare la salsa uso l’amido di mais al posto del pan grattato, in modo da renderla più leggera». Con questa tecnica la carne resta così morbida che può essere mangiata anche solo con il cucchiaio.

Stefano Cerveni

Stefano Cerveni

Tra le mete da visitare in questi giorni poi ci sono il medievale Monastero di San Pietro in Lamosa a Provaglio d’Iseo, l’Abbazia Olivetana di Rodengo Saiano decorata con opere dei grandi pittori della Scuola bresciana rinascimentale, il Convento dell’Annunziata di Rovato. Da ammirare, torri medievali (la più imponente è quella di Adro) e castelli (i castelli di Passirano e di Bornato), ville sei-settecentesche dove la nobiltà bresciana trascorreva il periodo della villeggiatura (fra cui Palazzo Torri di Nigoline e Villa Lechi di Erbusco).

Per gli amanti della natura, c’è la Riserva naturale delle Torbiere del Sebino, le vigne da scoprire a cavallo o in bicicletta, o ancora il lago d’Iseo da attraversare a bordo di battelli fino a Monte Isola, la più grande isola lacustre d’Europa, balzata al centro dell’attenzione internazionale la scorsa estate in occasione di The Floating Piers, il ponte-installazione ideato dall’artista Christo, che la collegava alla terraferma.

Il vino, poi, è tra più importanti protagonisti di queste terre. Le cantine organizzeranno visite guidate seguite da degustazioni di Franciacorta, il più pregiato vino italiano prodotto con Metodo Classico. È consigliabile prenotare la visita presso le aziende e i produttori prescelti. Chi desidera trascorrere qualche giorno in Franciacorta in occasione di questo ponte o, in genere, in autunno può scegliere fra le molte le proposte messe a punto per gli enoturisti e pubblicate sul sito della Strada del Franciacorta.

I pacchetti vanno dal weekend alla settimana e abbinano il soggiorno a varie attività, dalle degustazioni guidate alle visite a Monte Isola, dalle escursioni in bicicletta alle passeggiate tra le vigne. Il pacchetto week-end, ad esempio, comprende visita in cantina con degustazione, cena o pranzo a scelta, gita in battello sul Lago d’Iseo, un pernottamento: il costo parte da 90 € in agriturismo e varia in base alla tipologia di struttura prescelta, che spazia dalla dimora storica all’hotel a 5 stelle.


Rubriche

East Lombardy

Il racconto delle eccellenze di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova