Magnus Ek

Oaxen Krog

Isola di Oaxen
Svezia
T. +46.(0)8.55153105
info@oaxenkrog.se

LEGGI LA SCHEDA

Potessimo dare un punteggio ai ristoranti più difficili da raggiungere in Europa, moltiplicando la cifra per il tasso di fantasia del cuoco che vi spadella, Oaxen Skärgårdskrog sbaraglierebbe il campo. A Magnus Ek, uno dei cuochi più influenti di Svezia, e alla moglie Agneta Green, sommelière, persino una città civile come Stoccolma appariva Sodoma. Per questo, nel 1991, presero baracca e burattini per inscenare il loro silenzioso spettacolo organic ad Oaxen, un’isola popolata più di orchidee - in Svezia rarissime, peraltro – che di abitanti (108, dice l'ultimo censimento).

Il serbatoio vegetale sta dietro al casolare del ristorante (molto elegante, niente Ikea) e sforna ortaggi, frutti di bosco ed erbe che ci lasciano lost in translation non per ignoranza, ma perché qui crescono specie che noi umani mediterranei non immaginiamo neppure di chiamare. Dall’altro lato, il ristorante guarda a sua volta il porticciolo delizioso su cui l’high society svedese attracca le sue barche e la voglia di gustare semplici gamberetti affumicati e salsicce con le zaffate di iodio che rasserenano naso e spirito.

Ma il meglio è sopra la collina. Noi ricordiamo un Merluzzo baltico cotto al carbone con granchio in farina d’avena, brodo di lische di pesce arrosto e gallo con carote marinate e cetrioli che avremmo coperto la distanza dalla Capitale anche a nuoto nell’acqua gelida. Sbattimento che da fine 2011 non occorrerà più: Magnus e Agneta hanno deciso di chiudere il capitolo isolano e di tornare a Stoccolma. Così sarà tutto meno poetico, ma certamente più facile. Resta ancora da capire dove.

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso diversi istituti e università. twitter @gabrielezanatt


Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Cuore di vitello nel sangue con orecchie di maiale croccanti, purè di carciofi e crema di polmone, serviti con confetti al tartufo

Clicca qui per leggere il profilo dello chef

Scampo al limone con gelatina di rosa canina e crostacei, fagioli neri con järnaost stagionato e scampo caldo, schiuma di fucus distichus