Acqua Panna S.Pellegrino Ceretto The Fork

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Tradizione/Innovazione
Spagna

Elkano

Elkano, in fondo, è un po’ come Etxebarri: la dimostrazione pratica di come, in un Paese come quello basco, dalla profonda cultura enogastronomica, e dove la cucina fa parte dell’identità collettiva, tutto è possibile.

È possibile che alcune delle migliori cucina d’avanguardia spagnole, e dunque mondiali, vadano a braccetto con locali incredibili come questo, non a caso meta prediletta dei viaggiatori golosi almeno al pari delle prime. Elkano – di nuovo come Etxebarri sul fronte carnivoro – è la prova di come si possa sublimare l’assoluta eccellenza del prodotto, esaltarne le caratteristiche senza ricorrere alla tecnologia, ma al contrario ritornando alla materia, alla natura: cotture raw sulla griglia, come utensili morse e maglie di ferro o acciaio che paiono strumenti di tortura e che non necessitano di master al Mit, la storia (leggenda?) racconta che li abbia inventati lo stesso Pedro Arregui – non a caso figlio di una cuoca e di un pescatore – con l’aiuto di un meccanico, Gotzon Ucìn. Ad esempio la grande pinza di rete di ferro per intrappolare i rombi (ormai, icone dell’Elkano) e collocarli sulle griglia, pronti per il charcoal grilling, la cottura quasi diretta sui carboni ardenti che sigilla la pelle, la rende croccante e imprigiona i succhi del pesce. O la almejera, per i molluschi. O la kokotxera, per le mitiche gole di baccalà.

Ora il pallino nel ristorante è in mano al figlio di Pedro, Aitor. Che presiede alla crescita di questa insegna nata come semplice bar negli anni ‘60. Poco da fare: qui tutto è di clamorosa bontà.

Chef

Aitor Arregui

Ai dolci

Pablo Vicari

Contatti

+34943140024

Herrerieta Kalea, 2
20808 - Getaria
sito web
info@restauranteelkano.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica e lunedì tutto il giorno; martedì, mercoledì e giovedì a cena
Ferie
variabili
Prezzo medio vino escluso
140 euro
Menu degustazione
130 e 150 euro

Perché fermarsi
per una degustazione pazzesca di kokotxas. E per i mitici rombi alla griglia
Identità Golose
Identità Golose

articolo a cura degli autori di Identità Golose 
(nella foto: "Ravioli alle erbe e rapa bianca" di Antonia Klugmann, piatto simbolo del congresso di Identità Milano 2024)