Acqua Panna S.Pellegrino 2021 Veuve Clicquot 2021 Birra del Borgo 2021 The Fork 2021

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Lombardia

Le Polveri

La giornata del micropanificio Le Polveri inizia sempre con la bici di Aurora (Zancanaro, panificatrice e artigiana del suo laboratorio) che attraversa una Milano dormiente. Poi la saracinesca di via Ausonio si alza, le luci del micropanificio si accendono e gli impasti iniziano a prendere vita. Puoi arrivare e scegliere cosa preferisci al banco o puoi tenere d’occhio la produzione settimanale, assaporarne l’attesa.

E forse è proprio questo che rende Le Polveri un indirizzo d’integrale autenticità: sfuggire all’ovvio, al ‘tutto e sempre’, a un prodotto ‘fatto a stampino’ a vantaggio di un pane dalla forma e alveolatura sempre diverse per naturale iniziativa del lievito (madre) e per l’irriverenza delle farine, provenienti  sempre da piccoli mulini italiani. Sono le ‘polveri’ di Aurora e Le Polveri, non è solo pane: ci sono i biscotti (come quelli salati al pepe della Giamaica e curcuma, o dolci, al cacao amaro, sale Maldon e rosmarino), le granole (alla mela, di avena, al farro), le pizze in pala, gli sfogliati, incroci di spezie e aromi, di equilibri consistenti - e i grandi classici della tradizione: colomba e panettone. 

In questo micropanificio, che è bottega artigiana di quartiere convivono il recupero della conoscenza e della materia dimenticata, incluso il tempo e il conseguente valore dell’attesa. Entrateci in punta di piedi, in una di quelle giornate grigio-Milano. Il resto tocca ai sensi scoprirlo.

Chef

Aurora Zancanaro

Contatti

+

via Ausonio, 7
20123 - Milano
lepolveri.com
hello@lepolveri.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì, venerdì e domenica
Ferie
variabili

Tavoli all'aperto

Delivery / Take away disponibile

Perché fermarsi
perché anche un prodotto semplice come il pane può diventare un’esperienza sensoriale completa dall’ingresso in panificio fino all’ultima ‘mandata’ di scarpetta
Marialuisa Iannuzzi
Marialuisa Iannuzzi

irpina, accoglie quotidianamente, coltivando l'arte dell'ospitalità. Ama leggere, assaggiare e respirare la cucina per trasformare il cibo in pensiero e poesia