Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Francia

La Poule au Pot

Le poule au pot, la gallina in brodo, è un classicissimo della cucina gallica, il piatto che, ogni domenica sera, dovrebbe essere posto al centro della tavola di tutti i francesi. E di bistrot che si chiamano così è pieno l'Esagono. Quello che si stregato è a Parigi, molto vicino al Museo del Louvre, al 9 di rue Vauvilliers. Guardarlo da fuori ti predispone al piacere della tavola, quei posti del cuore che non vorresti tradire mai. E una volte entrati è amore eterno. Questo, che anni e anni fa era la bottega di un macellaio, è piccolo piccolo e ti chiedi se davvero saranno messi tutti a loro agio.

Nessun dubbio perché è tutto così coccoloso che fa piacere mangiare gomito a gomito, fa tanto intima convivialità. Sarete in uno dei bistrot di Jean-François Piège che ha preso a cuore la causa delle insegne storiche legate a una Francia minacciata nelle sue tradizioni da quanto va di moda ai quattro angoli del pianeta. Le poule au pot è una leggenda della cucina borghese, non conosce i trend modaioli e guai venisse contaminata.

Ecco in carta Cosce di rana con prezzemolo, Lumache nel loro guscio, Spezzatino di vitello, Guancia di manzo parmentier, ovviamente la Gallina in brodo che delizia due persone, la Galantina d'anatra così come l'Omelette all'acetosella. Tutto quello che fermentazioni e sferificazioni cancellano altrove, qui resiste. Attenti: ci si prenota con due mesi di anticipo, succede a chi ha successo.

Chef

Jean-François Piège

Vai alla scheda dello chef

Contatti

+33142363296

9 rue Vauvilliers
75001 - Parigi
lapouleaupot.com
contact@lapouleaupot.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
mai
Prezzo medio vino escluso
70 euro

Perché fermarsi
per vivere in un'altra epoca gastronomica. Garantisce Piège
Paolo Marchi
Paolo Marchi

nato a Milano nel marzo 1955, al Giornale per 31 anni dividendosi tra sport e gastronomia, è ideatore e curatore dal 2004 di Identità Golose.
Twitter @oloapmarchi