Acqua Panna S.Pellegrino 2021 Veuve Clicquot 2021 Birra del Borgo 2021 The Fork 2021

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Lombardia

Le Nove Scodelle

Quante belle storie made in China racconta la Milano pre e post-pandemia. Questa affonda le sue radici alla fine del 2018, il momento in cui l’imprenditore bocconiano Hujian “Agie” Zhou decise di dare seguito alla lanciatissima Ravioleria di Paolo Sarpi, mettendo in piedi un ristorante vero e proprio nel primo brandello dell’ormai celebre NoLo (qui siamo davvero a un tiro di schioppo a Nord di Loreto). Un piccolo ristorante. Di cucina sichuanese, condita da tutta una simbologia attorno al numero nove, numero fortunato.

Delle addictive verdure fermentate in bicchiere sono state il preludio di un pasto invernale dai sapori forti, speziati e piccanti, con abbondanti inclinazioni vegetali: Spaghetti tirati a mano e poi saltati nel wok con noci, salsa di sesamo e pepe di sichuan, Fagiolini con verdure disidratate e fermentate, zenzero, peperoncino, Cubi di pancia di maiale con castagne, fagioli verdi, alloro e anice stellato, Tofu (fatto in casa!) stufato in wok con peperone, cipollotto, zenzero e pepe (di Sichuan, naturalmente)…

I fornitori sono quasi tutti italiani/milanesi, a riprova di quanto sia fertile il dialogo tra mondi che non hanno quasi mai dialogato: tra loro, macelleria Sirtori (che è la vetrina accanto alla Ravioleria), il pollo di San Bartolomeo, le farine delle Cascine Orsine. Il clima è super-informale e si bevono poche cose ma buone. Posto perfetto anche per un pranzo veloce.

Leggi anche
Le Nove Scodelle e il sogno di Agie

Chef

Agie Zhou

In sala

Niccolò Zani

Contatti

+390249670957

PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
variabili ad agosto
Carte di credito
no American Express
Prezzo medio vino escluso
25 euro

Delivery / Take away disponibile

Lo chef consiglia
Ravioleria Sarpi, via Sarpi 27, Milano: per scoprire dove tutto ha avuto inizio

+393318870596

Perché fermarsi
per gli ormai celebri panini wowo: 6 palline cave di farina integrale da riempire al tavolo con verdure fermentate e ragù di maiale saltato in wok con zenzero e peperoncino
Gabriele Zanatta
Gabriele Zanatta

laurea in Filosofia, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose, collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso scuole e università. Co-autore di "Cucina Milanese Contemporanea" (Guido Tommasi editore, 2020) 
Instagram @gabrielezanatt