Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Puglia

Borgo Valle Rita

Avventurarsi nel reticolo delle strade di campagna che conducono a Borgo Valle Rita vale quanto un viaggio spazio-temporale, tipo ritrovarsi di botto a Frittole 1.400 quasi 1.500. C’è di buono che il navigatore tiene e la destinazione è intrigante quanto il viaggio. L’avventura preliminare prepara e introduce alla bolla di quiete e silenzio che domina le atmosfere dell’immensa tenuta sbalzata dalle pagine di un romanzo sudamericano carica di agrumi, vigne e orti. Il torrente Rita dà il nome alla valle, i palmenti un tocco di bizzarria esotica che costringe a levare gli occhi al cielo fino alle vertigini.

Al centro della scena il nucleo composto dalla masseria, il ristorante è ricavato nelle stanze un tempo destinate alle raccoglitrici di tabacco in arrivo dal Salento. In questi spazi si apparecchia una tavola per onnivori, ma i campi coltivati a vista con metodi religiosamente bio privilegiano le esplorazioni nel mondo vegetale anche in cucina. Un nocciolo duro di devozione alla biodiversità guida la mano dello chef Antonio Padula, autore di una Caprese cuor di Puglia che spiega il microcosmo del Borgo in un boccone: pomodoro Cuore di Bue, burrata di Andria e salsa al basilico, assemblaggio facile, gusto fresco e nitido, con un occhio attento alla salvaguardia delle cultivar a rischio estinzione.

La carta segue i ritmi delle lune, e in autunno ch’è tempo di tepore confortevole tocca ai Tortelli di zucca in brodo al parmigiano, pecorino e funghi. D’inverno il Borgo va in letargo fino a primavera, quando Valle Rita fiorisce in un profumo di zagare da stordire.  

Chef

Antonio Padula

Sous-chef

Zouheir Boumghara

Ai dolci

Antonio Padula

In sala

Simone Tagliapietra

In cantina

Simone Tagliapietra

Contatti

+39 099 8271824

contrada Girifalco
74013 - Ginosa (Taranto)
vallerita.it
info@vallerita.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
1 novembre-31 marzo
Prezzo medio vino escluso
40 euro
Menu degustazione
35 e 45 euro

Ristorante con camere

Lo chef consiglia
Le Delizie di Rita, via Antonio Passarelli 7, Matera: la coda di rospo, le tette della monaca, spaziali

+39.347.6960506

Perché fermarsi
perchè il microcosmo di Valle Rita è magico, una tenuta immensa sbalzata dalle pagine di un romanzo sudamericano
Sonia Gioia
Sonia Gioia

Cronista di professione, curiosa per costituzione, attitudine applicata al giornalismo d'inchiesta e alle cose di gusto. Scrive per Repubblica Sapori, Gambero Rosso e Dispensa