Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Lombardia

Asola

Spogliato da ogni vezzo mediatico e dai modi da simpatico finto-spaccone, rimane Matteo Torretta, un cuoco che ha trascorso quasi 5 anni al fianco del sergente basco Martin Berasategui e che, zitto zitto, tiene saldo il timone di Asola da altrettante primavere, assieme al suo fido sous chef Vincenzo Esposito. Va bene giocare a discettare di questa o quella tecnica, a farlo strano per stupire ma, alla fine, il vero obiettivo di ogni cuoco imprenditore è sempre uno: riempire ogni santa sera il suo ristorante. E Torretta lo fa quasi sempre.

Della nostra ultima visita, ricordiamo con gioia intatta il filologico Filetto alla Wellington. Il nome dello storico piatto gli deriva dal Duca di Wellington, il signore che dette la mazzata finale a Napoleone, nel 1815. Si diceva che la crosta del filetto ricordasse gli stivali lucenti del Duca. Ma oggi potrebbe benissimo indossarli anche il “King di Rho”, un cuoco cui piace esagerare, nelle porzioni e nell’accostamento dei sapori, eccessi dei quali conviene godere.

Ma da Asola mare o terra pari sono: provate il Gambero in perlage con uova di tobiko e di salmone; oppure la Triglia ripiena di ratatouille di verdure, con pappa al pomodoro e colatura d’alici. Sapori che ben calzano alla stazza del cuoco. Obbligatorio chiudere con il Gin tonic al piatto, un cocktail trasmutato in dessert. Se invece volete berne uno buono vero, a fine cena andate a sbevazzare al Gerry. Tra i soci c'è ancora Torretta.

 Brambilla-Serrani

Chef

Matteo Torretta

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef

Vincenzo Esposito

Ai dolci

Cecilia Aroni e Martina Colombo

In sala

Carlo Tacconi

In cantina

Carlo Tacconi

Contatti

+39 02 92853303

via Durini, 28
20122 - Milano
asolaristorante.it
info@asolaristorante.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
15 giorni variabili ad agosto
Menu degustazione
75 e 90 euro
Antipasto
20 euro
Primo
18 euro
Secondo
25 euro
Dolce
12 euro
Coperto
3 euro

Lo chef consiglia
Peck, via Spadari 9, peck.it: per la qualità del loro lavoro

+ 39.02.8023161

Perché fermarsi
per una delle viste più panoramiche di Milano, confortata da una cucina di sapori mai timidi
Gabriele Zanatta
Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso diverse scuole e università. twitter @gabrielezanatt instagram @gabrielezanatt

Ricette dello chef