Acqua Panna S.Pellegrino 2021 Veuve Clicquot 2021 Birra del Borgo 2022 The Fork 2022

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Lombardia

Camparino in Galleria

Era il 1915 quando il Camparino in Galleria servì il suo primo Campari; per l’epoca era già considerato un locale innovativo ed elegante complice anche lo stile Liberty e Art Noveau. A distanza di anni, oggi, il Camparino non è solo il benvenuto in Galleria Vittorio Emanuele in cui godersi un Milano Torino o un Campari Seltz con vista sul Duomo, bensì un indirizzo d’obbligo per chi ama drink di stampo contemporaneo.

Grazie alla ristrutturazione del 2018, gli appassionati di miscelazione troveranno la loro Mecca nella Sala Spiritello: dal Liberty del piano terra ci si immerge in un cocktail bar di respiro internazionale, due banconi circondati da tavolini all’ombra delle arcate della Galleria.

A condurre le danze, la professionalità di Tommaso Ceccastore manager – e Mattia Capezzuolihead mixologist –, che hanno articolato una drinklist tra passato e futuro che esalta l’amaricante dei bitter e vermouth, senza però trascurare di esplorare l’affumicato dei mezcal e la rotondità dei whisky. In particolare, consigliamo l’esperienza al bancone che regala sempre quel pizzico di complicità in più con il bartender.

Chef

Tommaso Cecca (Store Manager) e Paolo Rollini (Chef)

Sous-chef

Mattia Capezzuoli (Head Bartender)

Contatti

+390286464435

piazza del Duomo, 21
20121 - Milano
sito web
info@camparino.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
variabili
Menu degustazione
60/65 (menu) e 13/15 (drink) euro

Tavoli all'aperto

Perché fermarsi
per la celebrazione del bitter nel drink "Clearly Orange", dove spiccano il Campari chiarificato, succo d'arancia chiarificato, cordiale di agrumi, tintura di arancia e gelatina al Campari
Claudia Orlandi
Claudia Orlandi

sceneggiatrice e scrittrice, dalla scuola di giornalismo enogastronomico del Gambero Rosso è approdata a Identità Golose