Acqua Panna S.Pellegrino 2021 Veuve Clicquot 2021 Birra del Borgo 2022 The Fork 2022

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Svezia

Bulot

Gabriel Melim e Emil Bjelke avevano programmato di aprire il loro ristorante proprio quando è scoppiata la pandemia. Dopo l’esperienza di fine dining e connessi riconoscimenti come la stella Michelin, avevano deciso di cambiare optando per un neo-bistrot focalizzato sulla materia prima, un lusso accessibile a tutti. Ma poi il sogno è andato in fumo, o meglio, ha subito ritardi, causa pandemia. Disillusi, non potevano certo pensare a un luogo solo dove pranzare a Göteborg, la seconda città più grande di Svezia. Hanno dunque aperto un ristorante aperto tutto il giorno nell’iconico mercato coperto della città, Stora Saluhallen.

Venti coperti al bar e un paio di tavoli all’interno della cucina. Gli spazi e i macchinari sono limitati, ma, in casi come questi, diventano addirittura un punto forte. La materia prima viene reperita dai produttori di fiducia dello stesso mercato creando un circolo virtuoso. La cucina punta a valorizzare ciò che viene considerato “scarto”, rifornendosi dunque dei prodotti ittici meno apprezzati. Come per l’appunto il Bulot che dà il nome allo stesso ristorante. Queste buccine di mare non sono infatti molto conosciute in Scandinavia. 

Semplice ma mai noiosa, la cucina mescola influenze asiatiche con il classicismo francese e prodotti nordici. Talvolta la location è destinata a eventi serali durante i quali vengono aperte bottiglie di vini prestigiosi. Fate ben attenzione all’apertura del loro principale ristorante in questo 2022, sperando che il bar resti aperto.

Chef

Gabriel Melim e Emil Bjelke

Contatti

+4631139326

Stora Saluhallen Kungstorget
411 17 - Göteborg
sito web

PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica
Ferie
variabili
Prezzo medio vino escluso
150 corone svedesi

Perché fermarsi
per il "Caviar faux d'Österlen", semi di colza bolliti in un brodo saporito che sembrano per l'appunto caviale e per l'esperienza intima nella cucina. Sì, i tavoli si trovano proprio al suo interno
Per-Anders Jorgensen
Per-Anders Jorgensen

co-fondatore del periodico gastronomico Fool, lo produce da 10 anni assieme alla moglie e art director Lotta Jorgensen. Tra i più rinomati fotografi al mondo, se gli chiedi se è un “food photographer”, ti risponderà: "I fotografo a tutto quello che amo!". Amante entusiasta del cibo onesto, dei vini naturali e dei panini dirty prima di andare a San Siro a vedere l'Inter