Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Spagna

Saiti

Vicente Patiño è un cuoco in rampa di lancio, pronto a riconoscimenti importanti. Saiti – il nome antico di Xativa, città natale dello chef – ha subito una piccola ristrutturazione e ora si presenta come un locale luminoso, sobrio, piacevole. E anche l’offerta ora è focalizzata più che mai su menu di degustazione e carta.

Dai tempi in cui stava al Sal de Mar di Denia lo stile di Patiño è più definito e raffinato che mai. Del resto, è un signore che ha sempre saputo ciò che vuole (e quindi ciò che non vuole) cucinare. E' autore di uno stile complesso, nascosto dietro a un'apparente semplicità, privo di gesti tecnici o effetti visivi sul piatto. Un percorso puramente valenciano, che va dritto al gusto e sempre accompagnato da tocchi acidi, aromatici e leggermente speziati.

Si viene per mangiare il tradizionale sang amb ceba (sanguinaccio con cipolla) “che voleva essere un taco” e un riso dolce di varietà albufera con succo di peperoncino arrostito, pinoli, capperi e ventresca di “tonyina de sorra”, di media salagione, così perfetto che mi ha fatto dimenticare tutto il riso crudo mangiato in questi anni nel mondo. Il Consommé di pollo in camicia, gamberi e punti di escabeche è un piatto degno del miglior Josean Alija.

Chef

Vicente Patiño

In sala

Vicente Patiño

Contatti

+34960054124

carrer de la Reina Na Germana
46005 - Valencia
saiti.es
info@saiti.es
PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica e lunedì
Ferie
ultima settimana di agosto e prima settimana di settembre
Menu degustazione
48, 68, 85 euro

Lo chef consiglia
da Sucar, sucarvlc.es, posto più informale della porta accanto, per assaggiare la famosa insalata di patiño

+34961001418

Perché fermarsi
per la Zuppa di brodo di melanzane, tapioca, muggine al sangue, aglio tenero sott'aceto, cumino e menta: eleganza, sapori, testura
Philippe Regol
Philippe Regol

francese e laureato in Filologia spagnola, da 30 anni abita a Barcellona e per 20 ha fatto il cuoco. Patito di gastronomia, ora anima il blog Observación Gastronómica 2