Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Libano

Babel Bay

Nel cuore di Zaitunay Bay, la nuova marina di Beirut, spicca fra tutti il ristorante Babel Bay. Questo locale, parte di una catena internazionale che conta altri 4 ristoranti, primeggia da un lato per la location: tavoli all’aperto e splendida vista sulle barche; dall’altro lato, il ristorante è sicuramente da frequentare per la cucina. Infatti, oltre alle classiche mezze libanesi - piccole entrée calde o fredde fatte per essere condivise - il menu si concentra sul mare, offrendo ai propri ospiti la possibilità di provare piatti classici rivisitati con gusto, buon gusto e mestiere.

Prima di ordinare, il tavolo si riempie da sé, in piena tradizione libanese, con frutta secca, olive, semi di zucca e alghe sottaceto. Di seguito le chicche da non perdere: baklawa bahri (pasta sfoglia ripiena di pesce e cotta al forno), fattet di gamberi (yoghurt con ceci, melanzane, pita fritta, gamberi e pinoli), batrakh (versione locale della bottarga, olio e aglio), bizri (bianchetti fritti), borma bahri (impasto di bulghur ripieno di polpo e pistacchi e saltato).

Terminata la sessione salata, la tavola torna a colorarsi con cesti di frutta fresca, frutta candita e la versione libanese della zucchero filato, realizzato con mela cannella in purezza. Ottimo pesce, ottimo servizio, conto in linea con la media della città. Di meglio, fra i ristoranti che (re)interpretano la tradizione con criterio, proprio non si può trovare.

Chef

Contatti

+9611370846

Zaitunay Bay
WF2X+X5 - Beirut
babelrestaurant.com/branch/index/babel-bay

PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
mai
Carte di credito
Accettati tutti i tipi di carte
Prezzo medio vino escluso
40 dollari

Tavoli all'aperto

Perché fermarsi
per una cucina libanese di mare con quel pizzico di innovazione che esalta una grandissima tradizione
Andrea Vignali
Andrea Vignali

tutto il mondo è padella. Viaggia per mangiare, mangia per viaggiare, raccontando tutto ciò che gli stimola le papille e le celluline grigie