Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Lombardia

Cocciuto

Non è una pizzeria come tante altre, Cocciuto. Perché il posto è davvero bellissimo. Nove vetrine che lasciano intravedere un locale elegante; 260 metri quadrati, per un totale di 80 coperti, che si rifanno a un design newyorkese. Sedute comode, tavoli larghi, mix sapiente tra elementi stile decò e altri contemporanei, una carta dei vini con molta Francia e ancor più numerose chicche nazionali. Il pizzaiolo è Antonio Caputo, lucano, davvero bravo: lo avevamo incrociato in un'altra felice realtà milanese, Marghe di via Plinio.

Ergo la pizza è buona. In tavola, accanto a un menu che parte con un classico antipasto all’italiana (fritti, polpette al sugo, crocché...), il disco è tondo, versione campana alla Pepe, impasto diretto, una miscela di farine alle quali è stato aggiunto il germe di grano vivo, doppia lievitazione che dura minimo 30 ore per garantire alle pizze sofficità, fragranza, sapori, in generale maggiore leggerezza. A questa versione se ne affianca una seconda: pizza al metro. Per i topping, grande attenzione alla materia prima: l'olio di Frantoio Muraglia, la soppressata Calabra dop, il Culatello di Zibello, molti Presìdi Slow Food...

Dietro a Cocciuto c'è una compagine sociale seria: Paolo Piacentini, imprenditore per 15 anni impegnato in una delle più blasonate aziende nel settore degli allestimenti di format internazionali, nonché fondatore e anima creativa di Marghe; e Michela Reginato, un passato nella moda e nel life style. Il loro progetto è in espansione: prossima apertura a gennaio 2019 in via Passeroni 2, zona corso Lodi. E poi altro ancora...

Chef

Giorgio Prando e Antonio Caputo

Sous-chef

Niccolò Farias

In sala

Alessandra Prestoza

Contatti

+39 02 36528327

via Bergognone, 24
20144 - Milano


PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
variabili
Carte di credito
no American Express
Prezzo medio vino escluso
18 euro

Lo chef consiglia
The Botanical Club, via Tortona 33, Milano: si beve bene ed è aperto nel dopo cena

+ 39.02.4232890

Perché fermarsi
anche per la deliziosa pizza dolce, da sballo: ricotta, olive disidratate, confettura di albicocche, limone
Carlo Passera
Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it