Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veneto

Al Borgo 1964

L’avventura enogastronomica della famiglia Fiorini è iniziata nel 1999, rilevando il locale che negli anni Sessanta era noto come “Palesella Vecchia”. A dirigere oggi l’attività è Enrico Fiorini, preparatissimo e spigliato patron con una grande passione per il vino, coltivata con dedizione, che nel 2014 gli è valsa il titolo miglior sommelier Ais del Veneto. Un percorso, quello nel mondo del vino, che Fiorini ha saputo condividere anche con il suo staff: all’interno di Al Borgo 1964 lavorano infatti ben 6 sommelier professionisti (record italiano ancora imbattuto).

Ma è la pizza il valore aggiunto della struttura, interpretata da oltre vent’anni da Stefano Miozzo che ha sempre cercato di approfondire il tema “impasti”, puntando sulla digeribilità, spaziando dal senza glutine al semintegrale, per poi approdare all’alta idratazione
.

Tra le pizze spiccano la Valpoterra, un omaggio alla Valpolicella, fatta con una base al vino Amarone che ha trionfato nel 2017 ai mondiali della pizza di Parma nella categoria “pizza in pala” e la Cortile dei nonni, un ricordo d’infanzia tradotto in una pizza dai sapori di una volta, che ha conquistato il primo posto nell’edizione 2018 dei campionati del mondo nell’ambitissima categoria “pizza classica”.

Chef

Stefano Miozzo

Sous-chef

Simone Fabbro

Ai dolci

Gian Paola Brunello

In sala

Marilena Lovato

In cantina

Gianluca Boninsegna

Contatti

+39 0442 80027

via Palesella, 47a
37053 - Cerea (Verona)
alborgodicerea.it
info@alborgodicerea.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
martedì sera
Ferie
mai
Carte di credito
no American Express
Prezzo medio vino escluso
16 euro

Lo chef consiglia
I Caprini, via Madonnina 11, San Giovanni Lupatoto (Verona): il luogo ideale per ottimi aperitivi

+39.045.545058

Perché fermarsi
per i sei sommelier professionisti in servizio
Errica Tamani
Errica Tamani

Autrice del libro Gli anni d'oro della cucina parmigiana, per l'Accademia Italiana della Cucina, collabora a “Gusto”, pagina golosa della Gazzetta di Parma