Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Stati Uniti

Saison

Il secondo pasto più caro negli Stati Uniti, dopo Masa a New York. Ecco la fama di cui gode nelle guide dei ristoranti statunitensi, Zagat in testa, questo tre stelle Michelin situato in un'ex loft industriale con 30 coperti, cucina centrale a vista, trofei di caccia alle pareti, acquario per granchi e aragoste. Un locale dall'atmosfera casual-smart, dove i boss della Silicon Valley in jeans e camicia, per capirci, sono sempre di casa.

Tutta "colpa" di un menu degustazione che parte da 300 dollari (500 al tavolo in cucina), ma che può salire agilmente a 5-600 e oltre, in base al prezzo degli ingredienti del giorno. O della bottiglia, grazie a una carta vini da duemila referenze, comprensiva di importanti etichette italiane e francesi. "Soldi ben spesi", dicono i followers. Certo, non sarà il miglior rapporto qualità/prezzo, ma il livello di materia prima, accostamenti, preparazioni e cotture è sicuramente di prim'ordine. Garantisce lo chef Joshua Skenes, un ex allievo di Jean-Georges Vongerichten che ha puntato tutto sui prodotti freschi di mercato, poi affumicati, scottati o  arrostiti su griglia, carboni ardenti o fuoco vivo. Incluso il delicatissimo riccio di mare (quello di Mendocino, dolce e fragrante).

Fanno fede, tra le diciotto portate del menu degustazione servito da camerieri come da giovani cuochi, Sedano rapa cotto lentamente (tre giorni) nel camino, cenere di vegetazione fluviale, Involtini di aragosta con ananas arrosto e caviale fermentato, Antilocapra alla brace col suo brodo di ossa, quaglia laccata sul fuoco. Comunque sia, una vera esperienza.

Chef

Joshua Skenes e Laurent Gras

Sous-chef

Jonathan Dewolf

Ai dolci

Tyler Burges

In sala

Daniel Wright

In cantina

Mark Bright

Contatti

+1 415 8287990

178 Townsend street
CA9410 - San Francisco - SoMa
saisonsf.com

PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica e lunedì. Aperto solo la sera
Ferie
festività nazionali
Menu degustazione
298 dollari
Tavolo dello chef per 4 persone

Lo chef consiglia
Angler, all'Embarcadero: il recente e informale spin-off di pesce a Km.0, ideato e supervisionato dallo stesso Joshua Skenes

+1.415.8729442

Perché fermarsi
per una cucina elegante, naturale e gustosa che ha riscoperto il piacere delle cotture su brace o fuoco vivo
Paolo Scarpellini
Paolo Scarpellini

origini bergamasche, adolescenze bolognesi, una vita da milanese con scappatelle torinesi, ma sempre cttadino del mondo. Come giornalista prima musicale poi enogastronomico, abbina da sempre le sette note a vini, viaggi e ristoranti: adesso oltretutto lo fa anche nelle vesti di music designer e sound sommelier. Curioso e indagatore, ha un debole per le nuove leve e gli chef più creativi