Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Emilia Romagna

Berberè Bologna

Proprio sotto i portici che rendono unica Bologna la grassa si trova Berberè, a metà tra il vintage e il post industriale, con travi d'epoca a vista ma una filosofia ben chiara sulla pizza, la qualità a ogni costo, parola dei fratelli Aloe. Cucina a vista e forno a legna Salvatore e Matteo definiscono la loro una pizza pop, ricercata nel gusto e realizzata con ingredienti sani ma ruspanti, da non confondere con la pettinata gourmet.

Il nuovo concetto di slow pizza con ingredienti bio ha subito sposato la filosofia di Alce Nero e il successo del pubblico, dopo la storica sede a Castel Maggiore, 7 anni fa, hanno conquistato Firenze, Torino, Milano, Roma e Londra. Da studenti fuori sede venuti dalla Calabria per studiare ad Alma Mater a imprenditori di successo, il passo passo è breve per chi si intende di farina. I fratelli hanno scelto diversi impasti, ognuno dedicato a ogni topper proposto, ma il fil rouge è una farina di tipo 1, macinata a pietra con diversi cereali (enkir, kamut, farro, segale, mais, etc) e pasta madre viva e a lenta lievitazione, garanzia di l’alta digeribilità e leggerezza.

La pizza risulta alta, soffice internamente ma con un leggero effetto crunchy al morso. Tra le speciali sono da segnalare la Prosciutto cotto di Mora Romagnola, peperoni al forno, pomodoro, prezzemolo; speck, gorgonzola, noci, miele di acacia, fiordilatte o la pancetta arrotolata, pecorino romano e pomodoro.

Chef

Matteo Aloe

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef

Ovi Khan

Ai dolci

Alessandro Proietti Refrigeri

In sala

Giuseppe Guido

In cantina

Ilenia Esposto

Contatti

+39 051 2759196

PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì a pranzo
Ferie
mai
Carte di credito
no American Express
Prezzo medio vino escluso
15 euro

Lo chef consiglia
Quanto Basta, via del Pratello 103, Bologna, quantobastaristorante.it

+39.051.522100

Perché fermarsi
per un impasto leggero e gustoso con ingredienti di alta qualità
Camilla Rocca
Camilla Rocca

 

mentre studiava Economia a Verona, passava gli appunti ai compagni, imprenditori vinicoli della Valpolicella: da lì l'amore per il buon cibo e il bere bene. Collabora con Food24 ,Style, Ansa, Class, Il Giornale