Acqua Panna S.Pellegrino 2021 Veuve Clicquot 2021 Birra del Borgo 2022 The Fork 2022

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Campania

Salvo

Dire San Giorgio a Cremano, un tempo, significava parlare di provincia degradata. Nonostante gli illustri natali di un certo Massimo Troisi. Ebbene, Pizzeria Salvo, con naturalezza, semplicemente lavorando sul prodotto, e ancora prima sul progetto, ha dato vita ad un turismo gastronomico ante litteram. Pizzeria di destinazione, nel senso che l'amenità della cittadina, da sola, non giustifica il viaggio. La pizza dei fratelli Salvo, sì.

Il locale è moderno, arredato con gusto e con i colori giusti a ricordare con allegria che, innovazione a parte, siamo pur sempre in un tempio della pizza napoletana, senza se e senza ma. Sicuramente, nel tempo, sono arrivati quei migliormenti tecnici che hanno agito esattamente là dove serviva. Sulla digeribilità, è ovvio. E messo a punto l'impasto, i fratelli Salvo, familiarizzando con i produttori soprattutto di zona, propongono degustazioni cariche di gioielli dell'agrolimentare vesuviano. Anche solo il pomodoro, che qui alle falde del vulcano, è un mondo da scoprire. Stesso discorso per olio, latticini e tutta la grande tradizione celebrata attraverso fritti da capogiro. Con una degna carta di vini e birre pronta ad accompagnarli.

Menzione speciale per la sala, attenta, vigile, ma informale: in una pizzeria che fa numeri altissimi praticamemte ogni giorno, le attese sono ridotte al minimo indispensabile. I Salvo dimostrano di saper fare pizze, ma soprattutto impresa. 

 Brambilla-Serrani

Chef

Salvatore e Francesco Salvo

Vai alla scheda dello chef

Contatti

+39081275306

largo Arso, 10
80046 - San Giorgio a Cremano (Napoli)
sito web
info@salvopizzaioli.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica
Ferie
mai
Prezzo medio vino escluso
20 euro

Perché fermarsi
la storia a San Giorgio a Cremano. Fritti e pizze classiche o sobriamente innovative. 24 ore di lievitazione per dimostrare come si poteva migliorare anche la tradizione napoletana
Nadia Taglialatela
Nadia Taglialatela

classe 1977. Nata ad Ischia, gli ultimi quindici anni li trascorre a Roma collaborando con le più note scuole di cucina della capitale. Esperta food&wine, collabora con riviste del settore scrivendo di ristoranti, grandi alberghi, prodotti di nicchia ed eroici produttori. Sommelier Ais, attualmente si divide tra Ischia, Napoli e Roma, sempre a caccia di nuove storie da raccontare