Paolo Marchi

ideatore e curatore

Paolo Marchi, nato a Milano il 20 marzo 1955.
Paolo Marchi, nato a Milano il 20 marzo 1955.

Paolo Marchi è nato a Milano il 20 marzo 1955. Figlio di Rolly, ideatore del Trofeo Topolino di sci, e di Graziella, pittrice, ha lavorato al Giornale dal dicembre 1979 al febbraio 2011, dividendosi tra lo sport, in particolare sci, calcio e vela, e critica enogastronomica.

Nel gennaio del 2004 l’idea che ha cambiato la vita: realizzare Identità Golose, il primo congresso italiano di cucina e pasticceria d’autore. Missione compiuta tra lo scetticismo di molti. Nel giugno 2009 il debutto a Londra e nel 2010 a New York e a San Marino, oltre a una Guida ai Ristoranti d’autore di Italia, Europa e Mondo giunta nel 2013 alla sesta edizione.

Nel tempo, ha curato il ricettario dell’Istituto Oftalmico del Fatebenefratelli a Milano, i volumi Dessert al piatto, Don Alfonso, Sushi Susci e Pesce alle stelle per la Bibliotheca Culinaria, Cento per cento ricette di talento e Multipli di 20 per le edizioni Cucina&Vini e le guide Milano da gustare e Tutto pesce per Gribaudo-Il Gusto. Ultime fatiche a sua firma Sapore d'Abruzzo per l'editore Textus e la Guida alle Gelaterie di Milano per Terre di Mezzo. Dall'edizione 2010 è presidente della giuria del premio Bancarella Cucina.

Segue fin dalla costituzione i lavori della sezione italiana dell’associazione dei Jeunes Restaurateurs d’Europe e nel giugno 2006 ha vinto il premio Veronelli come scrittore enogastronomico emergente con una motivazione che contiene un complimento molto bello per chi scrive (”Viene premiato per il brio con cui ha scritto le sue guide, Tutto Pesce in primo luogo…”) e per una considerazione che riassume bene il suo impegno sospeso tra storia, realtà e sogno: “…e per la misura con cui, rispettando profondamente i valori della tradizione, è forse il critico più attento a tutto ciò che di nuovo bolle in pentola”.

Sposato con Luisa Acciarri, marchigiana, è padre di Brando e di Viola e idealmente del cane Stella. Stonato dalla nascita, detesta i tromboni, la sciatteria e la volgarità, non si è mai laureato (in lettere moderne) e nel tempo libero ama scrivere, coccolarsi in famiglia e cucinare il risotto alle cipolle per gli amici, almeno dieci attorno allo stesso tavolo.

Internet: www.marchidigola.it
Email: paolomarchi@identitagolose.it


MAGENTAbureau

comunicazione, produzione e attivitÓ commerciali

Claudio Ceroni, fondatore di MAGENTAbureau
Claudio Ceroni, fondatore di MAGENTAbureau

MAGENTAbureau è la società che organizza in totale collaborazione con Paolo Marchi il Congresso Identità Milano e tutte le attività collegate. MAGENTAbureau è stata fondata da Claudio Ceroni nel giugno 2006 con lo scopo di consolidare e sviluppare le attività commerciali di organizzazione di eventi ed iniziative editoriali che possono essere ricondotte a Identità Golose e al fenomeno della Cucina d’Autore in Italia e all’estero. Con Paolo Marchi ha realizzato, tra l'altro, in questi anni, oltre al congresso milanese la Guida Identità Golose ai Ristoranti d'autore di Italia, Europa e Mondo, Identità London, Identità New York, Milano FOOD&WINE Festival e Roma FOOD&WINE Festival. Claudio Ceroni concentra e mette a frutto in questa nuova attività l’esperienza accumulata nella quasi ventennale attività di ideazione e realizzazione di grandi eventi e produzioni televisive.

Internet: www.magentabureau.it

Email: info@magentabureau.it | organizzazione@identitagolose.it

 

Ufficio Stampa MAGENTAbureau

Elisa Zanotti
Email: elisa.zanotti@magentabureau.it - elisazanotti@identitagolose.it
Telefono: +39.347.2441081

Elisa Pella
Email:
elisa.pella@magentabureau.it
Telefono: +39.02.48011841

IdentitÓ Golose Milano

Tutti gli articoli dell'edizione 2016

E’ stata un’edizione particolare di Identità Milano: la più affollata, la più densa di eventi, la più ricca, anche e soprattutto di contenuti, quella che ha avuto maggior richiamo...

Leggi tutto

La Guida 2016 Ŕ online!

Leggi tutto

La versatilitÓ dell'ostrica

Dove nasce il fascino intramontabile del mollusco bivalve. Impiegato in diversi piatti d'autore

I Maccheroni al torchio con anguilla affumicata, ragù d'ostrica e salsa di spinaci di Aurora Mazzucchelli del Marconi di Sasso Marconi (Bologna), ristorante che proprio oggi ha cambiato veste, ampliandosi e dotandosi di un aspetto più funzionale e contemporaneo. Il piatto in foto sintetizza bene la versitilità del mollusco bivalve di cui ci relaziona Lisa Foletti

I Maccheroni al torchio con anguilla affumicata, ragù d'ostrica e salsa di spinaci di Aurora Mazzucchelli del Marconi di Sasso Marconi (Bologna), ristorante che proprio oggi ha cambiato veste, ampliandosi e dotandosi di un aspetto più funzionale e contemporaneo. Il piatto in foto sintetizza bene la versitilità del mollusco bivalve di cui ci relaziona Lisa Foletti

Leggi | 27-05-2016 | 12:00 | Lisa Foletti | Dall'Italia

PerchÚ ha vinto l'Ungheria

Dietro al trionfo del Bocuse d'Or c'Ŕ un sistema compatto e fondi statali. Quel che manca all'Italia

Budapest, 12 maggio scorso: dopo due giorni di intensa competizione,┬álo chef Tam├ís Sz├ęll del ristorante┬áOnyx┬á(secondo da sinistra) celebra in casa con i compagni la vittoria nella finale europea┬ádel prestigioso┬áBocuse d'Or. Alle finali mondiali,┬áLione 24-25┬ágennaio 2017, parteciperanno 11 squadre europee, ma non l'Italia

Budapest, 12 maggio scorso: dopo due giorni di intensa competizione, lo chef Tamás Széll del ristorante Onyx (secondo da sinistra) celebra in casa con i compagni la vittoria nella finale europea del prestigioso Bocuse d'Or. Alle finali mondiali, Lione 24-25 gennaio 2017, parteciperanno 11 squadre europee, ma non l'Italia

Leggi | 27-05-2016 | 06:00 | Tunde Pecsvari | Dal Mondo

Chef per il futuro, Alajmo finalista

Il padovano tra i top 20 del Basque Culinary World Prize. E ci sono anche cinque "italiani all'estero"

Massimiliano Alajmo con il fratello Raffaele. Lo chef de Le Calandre ├Ę tra i 20 finalisti del premio indetto dal Basque Culinary Center tra i cuochi di tutto il mondo che portano avanti progetti per la societ├á e il fuuro

Massimiliano Alajmo con il fratello Raffaele. Lo chef de Le Calandre è tra i 20 finalisti del premio indetto dal Basque Culinary Center tra i cuochi di tutto il mondo che portano avanti progetti per la società e il fuuro

Leggi | 26-05-2016 | 18:00 | IdentitÓ Golose | Dal Mondo
Grana Padano Home
S.Pellegrino Home sopra indice
Lavazza Home
Birra Moretti Home
Petra Molino Quaglia Home
Monograno Felicetti Home
Berto's Coldline home Piazza home Caraiba Host home Carta di Milano