Imbarcati in un viaggio di gioco unico con Pin-up Casino! Connettiti con noi attraverso il nostro link su ক্যাসিনো e immergiti in una varietà di giochi avvincenti e incredibili bonus. Inizia la tua avventura di gioco ora! Scopri come Everix Edge sta rivoluzionando il trading di Bitcoin con sicurezza ed efficienza. Library zlibrary project Mosbet
Top 10 best online casino sites from Outlookindia OLX88 Immediate Core: Canada's prime choice for investment learning

Emmanuel Renaut

Flocons de sel

75, rue Saint-François
Megève
Francia
T. +33.04.50214999

Più che alta cucina, una cucina ad alta quota: sui manti nevosi del Monte Bianco ce l’ha portata Emmanuel Renaut (detto “Manu le picard”), convenuto dall’estremo nord della Francia per amore del sublime delle vette...

Da ragazzo sognava le competizioni in moto, ma l’esempio del fratello sommelier e il ricordo indelebile di un pranzo da Greuze a Tournus lo persuasero a cercare altre strade: “Quel ristorante mi sembrò una favola, la coreografia in sala, le cloche sui piatti, l’argenteria, i sapori...” Dopo l’apprendistato in Aisne vola a Parigi, passando dal Crillon al Lotti e investendo ogni magro guadagno nella ristorazione. La tappa decisiva è Annecy con Marc Veyrat, dove in tre anni formidabili diventa chef de partie e poi sous-chef. Segue un’esperienza a Cordes-sur-Ciel con Thuriès, poi Veyrier-du-Lac dove agguanta la terza stella. «Avrei potuto restarci a vita, ma avevo giurato a me stesso di sistemarmi prima dei 30 anni», racconta per giustificare la dipartita alla volta del Claridge di Londra.

Ai piedi della vetta alpina però c’è una fattoria che lo aspetta; già adibita a pizzeria, alla prima visita folgora lui e la moglie Kristine, che nel 1998 si istallano a Megève per dare vita a Flocons de sel. Gli esordi sono difficili: 2 in sala, 2 in cucina, nessun lavapiatti e le banche perennemente alla cornetta. Per la prima stella però occorrono appena tre anni, poi arrivano la seconda e il titolo di Meilleur Ouvrier de France.

Del cuoco dal grande cappello non resta un granché: le erbe sono sparse con parsimonia sui piatti, che Manu definisce «chiari, precisi, evanescenti». Contro i cliché della cucina montanara, tutta fondue, raclette e trofei necrofili, vi risaltano i colori e la freschezza dei prodotti locali, che contrastano l’omologazione gustativa con spinte acide e amare. Lui la chiama «une cuisine à flanc des montagnes», dalla loro parte ma anche tangenziale, in direzione della massima naturalezza. Con lui Nadine Voulette, giovane promessa in gonnella.

Ha partecipato a

Identità Milano


a cura di

Alessandra Meldolesi

Umbra di Perugia con residenza a Bologna, è giornalista e scrittrice di cucina. Tra i numeri volumi tradotti e curati, spicca "6, autoritratto della Cucina Italiana d’Avanguardia" per Cucina & Vini