Lèggere di gusto

Cuochi, sommelier e scrittori insieme in una giornata da ricordare. I titoli da annotarsi

11-02-2014
Carlo Cracco, con

Carlo Cracco, con "A qualcuno piace Cracco" (Rizzoli), tra i mattatori di Identità di Libri, 9 volumi di enogastronomia presentati per tutto il giorno a Identità Milano. In secondo piano, Gianluca Biscalchin, presentatore della giornata e a sua volta "presentato" come autore del libro "Pret a gourmet" (Mondadori Electa) (foto Brambilla-Serrani)

Galleria fotografica

Lo chef Andrea Berton, il presentatore della giornata Gianluca Biscalchin e Gianni Rizzotti, autore di "Beyond the chef" (Skira editore)
Claudio Sadler, "Manuale dello chef" (Giunti)

Scoprire il gusto, anche fuori dai ristoranti, ma anche semplicemente rimanendo seduti in poltrona a casa, sfogliando le pagine di un volume. E’ questo il senso della giornata dedicata ai libri, nella sala Blu 2 di Identità Milano. A inaugurare gli incontri con gli autori, presentati da Gianluca Biscalchin e con le incursioni critico-musicali di Don Pasta, le immagini di Beyond the Chef di Gianni Rizzotti (edizioni Skira), che nell’occasione era accompagnato da Andrea Berton, uno dei protagonisti del suo libro di scatti. “La fotografia – ha raccontato lo chef - è come una ricetta, dove si utilizzando tanti ingredienti per creare un’immagine. Rizzotti ha dato un’immagine nuova, e un’idea simpatica, di come siamo noi cuochi”. Rizzotti, dal canto suo, ha raccontato le storie dei vari cuochi “fuori dalle cucine” e gli aneddoti. “I cuochi – ha raccontato l’autore – sono stati contenti di essere fotografati, per una volta, senza padelle in mano”.

Claudio Sadler
 è stato il secondo protagonista, con il suo Manuale dello chef. Tecnica, strumenti, ricette e consigli dello chef per affinare competenze e creatività in cucina (edito da Giunti). “E’un libro non solo per i professionisti – ha spiegato Sadler - ma anche per le persone che amano cucinare. Cerco di offrire una serie di informazioni e consigli sulle tecniche con un linguaggio semplice. Non volevo fare un prodotto autocelebrativo, con ricette scopiazzate”.

Don Pasta, food-dj e animatore della giornata

Don Pasta, food-dj e animatore della giornata

Calici alzati per Grandi Vini d'Italia di Federico Graziani e Marco Pozzali (edizioni Gribaudo): non una guida nozionistica fatta di punteggi e numeri, ma un viaggio emozionale. “L’idea – spiegano gli autori – era quella di realizzare una carta dei vini tematica, con i vini del mare, di montagna, del vento e del fuoco, del sole e degli uomini per fare degli esempi, in una visione un po’ poetica di questo mondo”.

Si scende in strada con Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni, che hanno raccontato i loro Street food d’autore (edito da Gribaudo). “Un libro – spiega Roncoroni - che è una sorta di autobiografia del nostro locale, che racchiude diverse anime, dal gourmet allo street food”. Street food vissuto, perché i due giovani cuochi di strade ne hanno percorse, nel mondo, finché le loro – di strade – si sono incrociate. “In Italia – spiega ancora Roncoroni – c’è uno street food molto tradizionale, come la piadina o il panino con la milza. Il prossimo passo è quello di sfondare la barriera delle tradizioni”. Così si fa avanti l’idea dello street food gourmet, “ma con prezzi non da folli”.

Attesissimo Carlo Cracco, che ha aperto gli incontri del pomeriggio con il suo A qualcuno piace Cracco, pubblicato da Rizzoli, dove offre la sua visione moderna della cucina regionale. “Non è una cucina facile, anche perché ogni campanile ha la sua versione della stessa ricetta. Da qui nasce il titolo: per evitare le piccole incomprensioni, dico subito ‘A qualcuno piace’. Questa è la mia versione delle ricette tradizionali rivistate. Ma la cucina regionale è la base, rappresenta la cucina italiana di una volta. Ma bisogna andare oltre, non fermarsi al passato”. Non è mancata la domanda sulla tv: “La televisione serve a intrattenere, ma anche a educare. Se non è divertente, nessuno la guarda”. “Cerco di spiegare a un pubblico più ampio cos’è l’alta cucina”.

Federico Graziani, con Marco Pozzali autore di "Grandi Vini d'Italia" (Gribaudo)

Federico Graziani, con Marco Pozzali autore di "Grandi Vini d'Italia" (Gribaudo)

Così Gianluca Biscalchin è passato da presentatore a presentato, in questo caso da Luca Iaccarino , raccontando il suo libro "Pret-à-gourmet"  (edizioni Mondadori Electa). “Ma su alcuni campi mi sono fatto guidare da persone esperte, come nel caso del vino”. Mangiato bene? Le 7 regole per riconoscere la buona cucina è l’ultima fatica di Roberta Schira (Salani) “E’ un libro dedicato a tutte le persone che vanno a mangiare fuori. E’ la presunzione di creare una teoria della critica gastronomica”.

Cristina Bowerman
 ha raccontato il suo viaggio  "Dalla Puglia all'America e ritorno. La mia vita da chef controcorrente" (Mondadori Electa). Si tratta del suo primo libro: “Nella mia vita – ha spiegato – ho sempre puntato a elevarmi a professionista, per puntare al massimo livello. Se è difficile essere un cuoco donna? Cerco di essere da esempio, in un mondo prevalentemente maschile. Molti ragazzi oggi sono demotivati, ma io dico loro di essere testardi”. La conclusione della giornata è per il patron di Eataly, Oscar Farinetti , con le sue Storie di coraggio, edizioni Mondadori, accompagnato da Moreno Cedroni e Ampelio Bucci, ambasciatore del Verdicchio.

Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni, presentati da Luca Iaccarino. Libro, "Street Food d'autore" (Gribaudo)

Beniamino Nespor ed Eugenio Roncoroni, presentati da Luca Iaccarino. Libro, "Street Food d'autore" (Gribaudo)

“L’idea, in questo caso, era di presentare le Marcheoggi - ha spiegato Farinetti - Le Marche è una regione che mi piace da pazzi, per i paesaggi, per i prodotti e per la voglia di fare”. Quello di Farinetti è il racconto di 12 storie di vignaioli: “Avevo voglia di parlare di coraggio e avevo voglia di parlare di vino. La scommessa per il futuro non è quella di aumentare gli ettolitri, ma di aumentare i prezzi medi. Così ci sono più soldi, più lavoro, più tasse: andrebbe tutto meglio”. E sottolinea: “Noi italiani siamo ancora provincialisti. Noi che con Colombo abbiamo scoperto l’America, ora siamo chiusi in noi stessi e non sappiamo proporci verso l’esterno. L’esempio è proprio nel vino”. Prosit.


Rubriche

Primo piano

Gli appuntamenti da non perdere e tutto ciò che è attuale nel pianeta gola


Galleria fotografica

Lo chef Andrea Berton, il presentatore della giornata Gianluca Biscalchin e Gianni Rizzotti, autore di "Beyond the chef" (Skira editore)
Claudio Sadler, "Manuale dello chef" (Giunti)