Burro di cacao più carruba uguale Giovanni Cicero

Il giovane siciliano e la sua CioKarrua: come mettere insieme arte del cioccolato, tipica di Modica, e lavorazione del legume

02-06-2019

Farina di polpa di carrube, burro di cacao e, in qualche caso, aromi che, per adesso, si limitano a farina di nocciole dei Nebrodi, olio essenziale di arance di Sicilia o miele. Tutto rigorosamente bio. Nasce da questi ingredienti il carrubato, tavoletta dal gusto inconfondibile e aromatico capace di raccontare un territorio, quello ibleo, fatto di campagne riarse, muretti a secco, allevamenti di vacche modicane. Frutto del lavoro di Giovanni Cicero, classe 1984, modicano, impregnato della cultura del carrubo sin dall’infanzia.

Giovanni Cicero

Giovanni Cicero

Da ragazzino Giovanni si dedicava già alla cura dei carrubi e alla lavorazione dei prodotti ricavati dalla polpa e dai semi delle stesse piante. Lavoro che ama e che non hai mai smesso di fare (una spedizione del suo estratto di carruba, tra gli ingredienti del menu di Ciccio Sultano, è stata consegnata anche all’hub di Identità Golose Milano), ma che da buon millennial, ha traghettato nel futuro con l’evoluzione dell’azienda di famiglia. Da Karrua è diventata CioKarrua, con il prefisso “Cio” a suggellare l’incredibile passione per il cioccolato.

«Spesso - racconta - quando parlo di prodotti a base di carruba, devo partire dalle fondamenta: spiegare cos’è il carrubo, dove cresce, che aspetto hanno i suoi frutti e i suoi semi». E anche come la coltivazione di quest’albero non sia più redditizia.

Se Giovanni conosce a menadito la carruba, non è sempre stato lo stesso per il cacao. «Non mi vergogno a dire che fino a qualche anno fa non ne sapevo molto. A muovermi è la stata la passione e la volontà di fare del buon cioccolato di Modica. Oggi c'è stato il boom commerciale del prodotto e quindi lavorare sulla qualità è necessario, perché tanti si improvvisano produttori a volte senza nemmeno sapere cosa sia una fava di cacao».

Cicero, invece, del cacao ha voluto sapere tutto e oggi, da autodidatta, produce una linea bio di cioccolato di Modica con 21 diversi gusti, tra cui anche la melagrana. E, non contento, si è avventurato (come pochi altri tra cui la famiglia Ruta dell’Antica Dolceria Bonajuto) anche nella produzione di cioccolato modicano “bean to bar”. «Mi piace occuparmi di tutto il processo - dice orgoglioso - dalla tostatura fino alla realizzazione della barretta che, al momento, realizzo con semi biologici di diverse provenienze e diverse percentuali di cacao». Il prossimo passo? «Andare a scegliere i semi direttamente nelle piantagioni e andare oltre il marchio Igp che, per certi versi, ha livellato la percezione di un prodotto che, di fatto, non ha qualità omogenea. Il mio obiettivo è arrivare a offrire cioccolato artigianale siciliano di Modica da fave di cacao selezionato da CioKarrua».

CioKarrua
contrada Michelica, zona artigianale Lotto 70
Modica (Ragusa)
+39 0932 774309
ciokarrua.it


Rubriche

Dolcezze

Anticipazioni, personaggi e insegne del lato sweet del pianeta gola