Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Lombardia

Dessert Bar Milano

Il panorama internazionale conosce già format simili, e ora anche Milano ha il suo Dessert-Bar. Il pensiero di fondo è uno per tutti: “Nel fine-dining il dolce arriva alla fine del menù e, spesso, si è troppo sazi per apprezzarne al meglio i sapori. Ma il dessert deve ricevere la stessa attenzione di un piatto ben fatto”.

Federico Rottigni ha tutte le carte in regola per conquistarsi uno spazio tra le firme più note. Dal mercoledì a domenica il locale apre il sipario sul “dessert-dining show”, raccontato dal pastry chef che assembla i dolci in diretta al banco con il supporto del fratello Flavio e del suo team. Una volta accomodati, arriva un menu fisso, scandito in due turni: alle 20 e alle 22.15.

In uno spazio elegante e minimalista, con toni comfort senza ammiccamenti hipster, un massimo di 11 persone osservano da vicino il cuoco. Trattandosi di uno spettacolo, i momenti sono scanditi dalle luci, studiate attentamente, che variano a seconda del tipo di attenzione che dobbiamo avere sul piatto.

I piatti hanno nomi originali: Orsetti ubriachi (gin, calvados, whisky, mezcal e chartreuse, in un richiamo all’infanzia), The Last Petal (lampone in tre consistenze, litchi, sorbetto all’acqua di rose e cremoso al cioccolato bianco), Pop Corn From Mars (pop-corn e noci pecan) o Citrofortunello (un gioco attorno al riso e latte). Un progetto ben definito che annienta il confine tra cucina e spettacolo.

Chef

Federico Rottigni

In cantina

Flavio Rottigni

Contatti

+390223054678

via Crocefisso, 2
20122 - Milano
dessertbarmilano.com
info@dessertbarmilano.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì e martedì
Ferie
variabili
Menu degustazione
52 euro (3 piatti e 3 cocktail) e 64 (4 piatti e 4 cocktail)

Perché fermarsi
perché, dopo Jordi Butron, Will Goldfarb e René Frank, la formula Dessert Bar ha un protagonista italiano
Aurelia Blanc
Aurelia Blanc

Piemontese/Milanese, partita dalle letture dei ricettari di "Nonna Papera", si è laureata in Scienze Gastronomiche e ha ottenuto un master in Comunicazione e Critica. Dedica tempo e lavoro alla ricerca del bello, del buono e del nuovo. Non rinuncia allo sport e non si annoia mai a fare la valigia, possibilmente col suo amico a quattro zampe