Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Stati Uniti

Rezdora

Non riesco a immaginarmi che a Manhattan tutti, anche gli italo-americani, sappiano pronunciare bene la parola rezdora, ma in fin dei conti non sarebbe così grave in un'epoca dominata da telefonini, applicazioni e prenotazioni on-line. Conta sia scritta correttamente per ritrovarla in internet.

Questa è una gran bella storia. Tutto ha avuto inizio lo scorso 10 maggio quando Stefano Secchi, americano di padre sardo, ha aperto un locale tutto suo e lo ha chiamato Rezdora, praticamente a ridosso del Flatiron. Rezdora dal nome delle signore che in Emilia tirano la pasta con il mattarello. Sì, perché Stefano ha studiato cucina in Italia e a fondo visto che non è più uno sbarbato. Gli anni nel 2020 saranno 38 e prima ha costruito la sua grammatica da Davide Palluda all'Enoteca del Roero a Canale per arricchirla e completarla da Bottura all'Osteria Francescana dove, avremmo scoperto durante Identità New York, hanno preso a chiamarlo "Il Capitano".

La sua carta è un inno all'Emilia e alle paste ripiene, alle quali dedica il solo menu degustazione in carta. Però è perfetta la cottura della pasta secca, ad esempio gli Spaghettoni con le vongole, particolarmente agliati come gradiscono gli americani, e nessuna proposta ricalca gli stereotipi tricolori che vanno per la maggiore negli States. Una chicca: il Coniglio con la sua salsiccia e animella di vitello.

Dopo un profondo rinnovamento della nostra cucina in Italia, sta cambiando anche nel resto del mondo e tutto questo va seguito e fa piacere sapere che un NYTimes è entusiasta di Capitan Secchi. Ci si allontana da antichi stereotipi.

Chef

Stefano Secchi

Sous-chef

Anthony Bellock e Daniele Scopel

Ai dolci

Jessica Quinn

In sala

Sidonie Rodman

In cantina

Sidonie Rodman

Contatti

+16466929090

27 E 20th street
10003 - New York
rezdora.nyc
reservation@rezdora.nyc
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
28 novembre, 25 dicembre e 1 gennaio
Menu degustazione
90 dollari
Antipasto
16 dollari
Primo
23 dollari
Secondo
29 dollari
Dolce
12 dollari

Lo chef consiglia
Caffé Vergnano at Eataly, 200 Fifth Avenue: a volte prendo una brioche mentre esco, proprio come facevo ogni mattina in Italia .. "tanta roba"!

+12122292560

Perché fermarsi
per il menù degustazione dedicato esclusivamente alla pasta
Paolo Marchi
Paolo Marchi

nato a Milano nel marzo 1955, al Giornale per 31 anni dividendosi tra sport e gastronomia, è ideatore e curatore dal 2004 di Identità Golose.
Twitter @oloapmarchi