Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Emilia Romagna

Ca' Matilde

In una bella casa di campagna, nel cuore delle terre che furono di Matilde di Canossa, si trova un ristorante che, come un tempo, è ancora una locanda con 6 provvidenziali camere preposte ad accogliere l'ospite dopo una pasto tanto voluttuoso quanto, va da sé, anche sostanzioso. Nessun menu alla carta ma "solo" 4 menu degustazione orditi da Andrea Incerti Vezzani, chef autodidatta, e dalla moglie Marcella Abbadini che, invece, dirige una sala che, già negli arredi in cotto, ferro e legno, dichiara in nuce l'identità contadina e rurale, benché tagliata da una sensibilità di stampo gourmand, che con gran soddisfazione di stomaco e palato ritroverete nel piatto.

Encomiabile, proprio della sala, il ritmo scelto per la successione delle portate, più un valzer viennese che una mazurca e perfettamente cucito, peraltro, su un crescendo, anche calorico, che non disdegna di attingere dal paniere della tradizione anche là dove si misura col pesce, cui dedica un menu ad hoc. Accanto a questo, un menu di terra, uno della tradizione reggiana e l'altro a mano libera per una cucina consistente, che risponde all'unico imperativo del gusto cui obbedisce senza timore di incorrere in condimenti eccessivi e dove si riconosce una certa simpatia classicheggiante, francesizzante, nella fattispecie, nella presenza pressoché costante di creme e riduzioni.

Tortelli verdi, il maialino e la torta di riso sono tra i migliori della regione.

Chef

Andrea Incerti Vezzani

In sala

Marcella Abbadini

In cantina

Gaetano Palombella

Contatti

+39 0522 889560

via della Polita, 14
42020 - Quattro Castella (Reggio Emilia) - Rubbianino
camatilde.it
info@camatilde.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì, aperti solo la sera. I festivi anche a pranzo
Ferie
variabili
Prezzo medio vino escluso
63 euro
Menu degustazione
63, 70 e 89 euro

Ristorante con camere

Perché fermarsi
per la rilettura della Bomba di riso con ragù, funghi porcini e piselli: ​filologica, benché sempre di dichiarata opulenza, nel menu reggiano
Passione Gourmet
Passione Gourmet

folli amanti dell’alta cucina, in totale sono una ventina, sempre alla ricerca di emozioni. La causa? Un’irresistibile Passione Gourmet