Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veuve Cliquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Veuve Clicquot
Champagne Veuve Cliquot Brut
Piemonte

Gaudenzio

Da gennaio 2020 c’è un importante cambio al timone di Gaudenzio. Lo chef Giorgio Ciotti – in cucina dal novembre 2017 - ha rilevato l’attività assieme al socio Lorenzo Tarasco, nuovo responsabile di sala e cucina.

In questa stanzetta ai piedi della Mole, infatti, si mangiava molto bene quando ai fornelli c’erano Alessio Zuccaro e Michela Cuccovillo, ma non è poi cambiata la sostanza da quando i 2 sono partiti per altri lidi: il bravo e giovane (anche lui: qui c’è giovinezza ovunque) Giorgio Cotti che li ha sostituiti – ancora coadiuvato da Matteo Barbero – ha continuato a remare nella direzione voluta da Stefano Petrillo, l’oste della prima ora, proponendo una cucina da bistrot di quelle intriganti e un po’ ruffiane, fatte di sapori esotici e materie audaci e di qualità, con piatti curiosi, annaffiati dai vini naturali di piccoli produttori.

E allora il Panino con il cuore e lo Spiedino di escargot, lo Spada con gli agretti e le olive e il Diaframma con il cipollotto e la rubra. Arredamento minimal-design, pochi coperti, cucina a vista, piatti intriganti, vini nature: ci sono tutti gli ingredienti per farne uno dei locali più cool della città. E così, in effetti, è: nel volger di un paio di primavere Gaudenzio è diventato una delle tappe imprescindibili per i gourmet torinesi.

Chef

Giorgio Cotti

Sous-chef

Matteo Barbero

Ai dolci

Matteo Barbero

In sala

Lorenzo Tarasco

In cantina

Lorenzo Tarasco

Contatti

+390118600242

via Gaudenzio Ferrari, 2h
10124 - Torino
gaudenziovinoecucina.it
gcotti91@gmail.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì
Ferie
variabili
Prezzo medio vino escluso
40 euro
Antipasto
12 euro
Primo
15 euro
Secondo
21 euro
Dolce
6 euro

Lo chef consiglia
La Limonaia, via Mario Ponzio 10, Torino: uno dei pochi ristoranti a Torino che fa cucina innovativa, chef molto bravo e studioso della materia prima

+390117041887

Perché fermarsi
per i piatti sfiziosi e i vini raccontati dal patron
Luca Iaccarino
Luca Iaccarino

viaggia e mangia per Lonely Planet, Osterie d'Italia, Repubblica e la collana I Cento (EDT). Ha scritto "Dire Fare Mangiare" (ADD), "Cibo di strada" (Mondadori), "Il Gusto delle piccole cose" (Mondadori Electa) e “Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi di Torino”, ama andar per trattorie e ristoranti di blasone portandosi dietro una moglie riottosa e due figli onnivori