Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Lombardia

Mirta

Mirta è una trattoria di quartiere per chi abita al Casoretto, NoLo per dirla in modo più contemporaneo. Per tutta Milano è una sicurezza, perché si mangia, ma soprattutto si sta sempre bene. A pranzo non si prenota, il menu è più semplice, e a cena meglio sbrigarsi a prenotare: è sempre pieno, 5 giorni su 7 (nel week-end, si chiude). 

La cucina di Juan è densa di tradizione, ma non aspettatevi il rispetto ossequioso della ricetta “originale”. Le variazioni sul tema sono sempre stagionali, curate, golose e mai fighette, neppure nelle porzioni. La pasta è fatta in casa, il pane e i dolci pure, ma volendo fare onore alla evidente passione dello chef , i secondi e la carne sono il terreno dove muoversi per trovare grande soddisfazione. Fegato, trippa e quito quarto per gli appassionati, e qualche cosa di buono anche per i vegetariani.

Una ventina di piatti in carta, con tanti presidi Slow Food che punteggiano il menu e prezzi che si aggirano fra i 10 e 18 euro. Carta dei vini che si discosta poco dai 20 euro a bottiglia, perchè qui si beve popolare. Coppia nel lavoro e nella vita, Juan esce dalla cucina a fine servizio mentre in sala Cristina sorride ai clienti, dimostrando che la formula della felicità non passa sempre dai soliti clichè. Tornano tutti, dopo la prima volta finirete per tornare pure voi. 

Leggi anche
Juan Lema, l'uruguaiano che non si muove dalla cucina

Chef

Juan Lema

In sala

Cristina Borgherini

In cantina

Chiara Salvadori

Contatti

+39 02 91180496

piazza San Materno, 12
20131 - Milano
trattoriamirta.it
trattoriamirta@gmail.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
sabato e domenica
Ferie
1-31 agosto, due settimane a Natale, tutte le Festività
Carte di credito
no American Express e Diners
Prezzo medio vino escluso
40 euro

Lo chef consiglia
Ratanà, via De Castillia 28, Milano: per affinità elettiva fra chef e per approccio

+39.02.87128855

Perché fermarsi
per riscoprire che per mangiare bene e fare qualità non serve scimmiottare i ristoranti gourmet
Margo Schachter
Margo Schachter

vede gente, mangia cose...  Food editor, firma de La Cucina Italiana, Vanityfair e altre storie. Gourmet disincantata, mangia tutto, abile con le bacchette cinesi, habitué di cocktail bar. Frequent flyer based in NoLo (Milano)