Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Francia

Passerini

Negli anni il discorso iniziale di Trainspotting, quello in cui Ewan McGregor recita di scegliere di non scegliere la vita, è diventato per la generazione cresciuta nel Novanta come un'icona sovversiva a cui legarsi. Un manifesto per mostrare il proprio carattere ribelle. Ecco in maniera molto più pacata, Giovanni Passerini è diventato uno dei cuochi migliori di Parigi nel momento in cui ha scelto di non scegliere la cucina.

Ci spieghiamo meglio. Prima di aprire Passerini, Giovanni è stato uno dei protagonisti, prima a La Gazzetta e poi da Rino, della rivoluzione francese conosciuta ai più con il nome di Bistronomie. Aperto Passerini è cominciato anche un nuovo capitolo nella sua vita da cuoco, non più segnato da menu degustazione, ma côtes de boeuf, germani reali, piccioni e astici da portare al tavolo in 2 servizi: il primo si lega all'Italia, che sia un Risotto con gli abats di piccione o uno Spaghettone all'astice; il secondo più francese: Astice con una salsa al vin jaune o del Piccione cotto alla plancha con fave, piselli e ciliegie, sempre accompaganto da un contorno goloso come i Finocchi gratinati o l'Insalata condita con un jus de viande.

Il resto del menu assume un carattere unico, in cui la cucina di Gio, un po' romana, parigina con qualche punto basco è rudimentale nella preparazione e diventa compiuta nella finitura del piatto, con l'utilizzo di salse e garniture pulitissime. Si guardi l'Animella con daikon, cedro e panna cruda. Una cucina che ricorda tanto l'imitazione di Battiato di Neri Marcoré, che canta "La società dei magnaccioni" sulle note de "La Cura".

Chef

Giovanni Passerini

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef

Stefano de Carli

In sala

Brune Renaut

Contatti

+33143422756

rue Traversière, 65
75012 - Parigi
passerini.paris.com
contact@passerini.paris.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
l'intera domenica, l'intero lunedì e martedì a pranzo
Ferie
una settimana a Natale, una ad aprile e 3 ad agosto
Carte di credito
No American Express
Prezzo medio vino escluso
60 euro
Menu degustazione
26, 48, 68 e 100 euro
Tavolo dello chef per 2 persone

Perché fermarsi
Giovanni pensa come un romano e cucina come un parigino. In poche parole, è una Sora Lella con la mano di Ducasse
Tokyo Cervigni
Tokyo Cervigni

milanese, a volte londinese, fondamentalmente parigino. Esperto mondiale di BLT sandwich, bevitore di Americano e aspirante Larry David. Solitamente magna e se rilassa. Ogni tanto scrive