Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Svezia

Daniel Berlin

Se c’è un cuoco che ai climi nordici lavora sodo, in maniera egregia e senza sbandierar alcunché, è Daniel Berlin. Lo sappiamo bene noi di Identità – il ragazzo fu relatore al congresso di Milano nel 2012 –, quelli della Michelin (che gli hanno dato prima una stella, e poi una seconda nel 2018) e tutti i colleghi svedesi che per anni di fila lo hanno votato come migliore del paese nella loro categoria, davanti a ogni altro mammasantissima.

Meglio di tutti, lo sanno i clienti che hanno la fortuna di accaparrarsi uno dei cinque tavoli (14 sedute in tutto) di questo ristorante infilato in un vecchio casolare, nel minuscolo villaggio di Skåne Tranås, una piccola frazione di Tomelilla, nel sud del Paese. Il mantra del ristorante di Daniel Berlin è uno: «Ogni mattina ci svegliamo, osserviamo l’intorno e cerchiamo di esprimere quello che vediamo nel piatto». Una sceneggiatura che contempla tanti attori protagonisti: allevatori, cacciatori, pescatori e forager del distretto, nel tempo coinvolti da Berlin in un grande sforzo, prima di tutto motivazionale.

Sono piatti audaci, avvolti nella poetica del luogo. Chiari, semplici, esteticamente impeccabili. E, va da sé, buoni. Provate la sua celeberrima Coda di bue, brasata e cotta a lungo, servita con petali di cipolla rossa

 Brambilla-Serrani

Chef

Daniel Berlin

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef

Alexander Olsson

In cantina

Rebecka Lithander

Contatti

+46 417 20300

Diligensvägen, 21
27392 - Skåne Tranås
danielberlin.se
reservations@danielberlin.se
PORTAMI LÌ
Chiusura
domenica, lunedì e martedì
Ferie
25 dicembre
Carte di credito
no Diners
Menu degustazione
1.150 (pranzo) e 1.950 (cena) corone svedesi

Lo chef consiglia
Hörte Brygga, Hörte Hamn, Skivarp, hortebrygga.se: offrono un'esperienza familiare e genuina e cucinano cibo con prodotti lokal e intelligenti

+ 46.73.9971041

Perché fermarsi
perché, alla classe dei piatti del cuoco, ogni anno sono eposte le opere di un grande artista. La stagione 2018/2019 è quella di Ellen Ehk Åkesson, vasaia di Nybro
Identità Golose
Identità Golose

articolo a cura degli autori Identità Golose