Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Spagna

Suculent

Che forza Antonio Romero. Valenciano di Nules, classe 1988, ai primi vagiti di cucina pensò bene di andare a imparare da Adrià a elBulli, non lontano da qui. Ma anche un po’ più su, nei paesi baschi, da Juan Marì Arzak e Pedro Subijana. Cioè, le 3 vecchie volpi della nuova cucina spagnola.

I tempi degli artifici tecnici sono tuttavia alle spalle. È una consapevolezza ben espressa da Toni, che ha varato da poco il suo locale, Suculent sulla Rambla del Raval, scommettendo tutto sulla potenza gustativa del grande producto, scombinato appena dall’intervento del cuoco. Rinnovare piuttosto che innovare, spiega lui stesso: «Quando abbiamo aperto qui, nella sede dello storico Celler, l’indirizzo preferito di lavoratori e mascalzoni, volevamo cambiare ma senza tradire lo spirito del locale di prima. Abbiamo conservato il più possibile le posate e la mobilia pre-esistente». E i mascalzoni vengono e tornano pure.

La cucina ha un forte timbro mediterraneo e spagnolo. Dedica grande attenzione a brodi e salse. Ogni piatto – come le fantastiche Acciughe con ciliegie disidratate su latte di mandorle – è così suculent che non fa lasciare al commensale alcun residuo. Facile, con quel pane delizioso servito a lato: pan tomate, pane rustico e pane pure per celiaci, con o senza pomodoro.

Chef

Toni Romero

In sala

Eugeni Escola

In cantina

Eugeni Escola

Contatti

+34 93 4436579

rambla del Raval, 45
08001 - Barcellona
suculent.com
suculent@suculent.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
lunedì e martedì
Ferie
variabili
Prezzo medio vino escluso
35 euro
Menu degustazione
48, 68 e 80 euro
Antipasto
8 euro
Secondo
19 euro
Dolce
10 euro

Lo chef consiglia
Dos Palillos, carrer d'Elisabets, 9, Barcelona, dospalillos.com

+ 34.933.040513

Perché fermarsi
per una delle cucine più saporite in città. E per i piatti eredità di "4amb5 mujades": le verdure salgono in cattedra a scapito della carne che non si vede ma c'è, sottoforma di brodi e fondi
Gabriele Zanatta
Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso diverse scuole e università. twitter @gabrielezanatt instagram @gabrielezanatt