Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Stati Uniti

Cosme

Massimo rispetto per Douglas Rodríguez, lo chef cubano che vent'anni fa ha sdoganato per primo, ai fornelli newyorkesi del Patria (poi al Chicama e al Pipa), quella "Cocina nueva latina" a base della più brillante e innovativa fusion Man(hattan)-Mex su piazza: l'odierno successo di Cosme lo dobbiamo anche a lui e pionieri tipo Zarela Martinez o Richard Sandoval.

Ci voleva però un illustre cocinero messicano come Enrique Olvera (riconoscibile dal gallo tatuato sull'avambraccio sinistro), quello che al Pujol di Città del Messico stupisce da tempo, per ricordare alle nuove generazioni della Big Apple che tacos o guacamole possono non solo risultare innovativi e creativi, ma anche andare oltre la classica carnalità e sapidità del mexican food, arrivando a delicatezze quasi zen. Così, in un buio ex strip club in zona Flatiron, fra arredi minimal e tavoli ben distanziati, va in scena forse la migliore (e più costosa) cucina messicana negli USA.

Lo testimoniano riusciti esempi di abbinamenti, cotture, contaminazioni panamericane, destrutturazioni di o fra classiche ricette col sombrero, vedi Aragosta con fagioli, Ricci con avocado e midollo, Capesante con patate e wasabi, Crudo di hamachi marinato con lime e jalapeño fermentato. Piccantissimi? No: spezie o peperoncino sono ben presenti ma col contagocce, giusto per una fugace ma ultra nitida sensazione palatale. Degno di nota infine il reparto bevande: cocktail sfiziosi (su tutti lo speziato Scoville Sour), una dozzina di vini al bicchiere ma soprattutto una trentina di mezcal e una ventina di tequile diverse.

Chef

Enrique Olvera e Daniela Soto-Innes

Sous-chef

Daniela Soto-Innes

Ai dolci

Italivi Reboreda

In sala

Santiago Gomez

In cantina

Yana Volfson

Contatti

+1 212 9139659

35 E 21st street
10010 - New York
cosmenyc.com
info@cosmenyc.com
PORTAMI LÌ
Chiusura
mai
Ferie
variabili tra Natale e Capodanno
Prezzo medio vino escluso
60 dollari Usa

Lo chef consiglia
Atla, 372 Lafayette street, l'altra insegna newyorkese del duo Olvera/Soto-Innes

+1.646.8376464

Perché fermarsi
per una delle migliori e innovative cucine messicane di tutto il territorio Usa
Paolo Scarpellini
Paolo Scarpellini

origini bergamasche, adolescenze bolognesi, una vita da milanese con scappatelle torinesi, ma sempre cttadino del mondo. Come giornalista prima musicale poi enogastronomico, abbina da sempre le sette note a vini, viaggi e ristoranti: adesso oltretutto lo fa anche nelle vesti di music designer e sound sommelier. Curioso e indagatore, ha un debole per le nuove leve e gli chef più creativi