Acqua Panna S.Pellegrino 2020 Veuve Clicquot 2020 Birra del Borgo 2020 The Fork 2020

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Veneto

Oseleta di Villa Cordevigo

Il fenomeno è noto: il turista del Nord - persino quello gourmet - valica le Alpi e si sente già sprofondato nel Mediterraneo. Così, le migliori strutture d'hôtellerie, anche quando si trovano in tutt'altro ambiente, sono incentivate a proporre una cucina che proprio a quella richiesta possa rispondere; da qui, il grande successo della scuola campana che, illustre di suo, sforna da sempre ottimi professionisti in grado di soddisfare appieno tali aspettative.

Sono considerazioni che si modellano perfettamente sull'Oseleta di Cavaion Veronese, ristorante gastronomico di Villa Cordevigo. Quest'ultima è una splendida struttura a due passi dal lago di Garda: un'antica dimora patrizia, risalente all'XVIII secolo, incorniciata da un contesto ambientale di grande pregio. Oggi è un wine relais di charme, la cui cucina è affidata alle cure di Giuseppe D'Aquino, napoletano classe 1971, qui dal 2010.

Propone la tavola che ci si aspetterebbe, con grande perizia tecnica e qualche variazione sul tema che gli deriva dalle esperienze internazionali. Il tutto abbinato coi vini della Tenuta Villa Cordevigo. L'esito è un'esperienza complessiva di grande piacevolezza, con un un acuto su tutti (Tartare di salmerino alpino, caviale Beluga, salsa al bergamotto, granita al basilico) e il signature di sempre (lo Spaghetto al pomodoro, nella versione 2019 con gambero rosso, crema di latte affumicata, scorza di limone).

Chef

Giuseppe D'Aquino

Sous-chef

Marco Marras

Ai dolci

Niccolò Moratti

In sala

Ioan Acris

In cantina

Ioan Acris

Contatti

+390457235287

località Cordevigo
37010 - Cavaion Veronese (Verona)
ristoranteoseleta.it
info@ristoranteoseleta.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
martedì
Ferie
5 gennaio-26 marzo
Prezzo medio vino escluso
72 euro
Menu degustazione
110 euro
Antipasto
35 euro
Primo
40 euro
Secondo
45 euro
Dolce
25 euro

Lo chef consiglia
Osteria Metti, Incaffi (Verona): per il legame con il territorio e la tradizione

+390456260738

Perché fermarsi
per la Tartare di salmerino alpino, caviale Beluga, salsa al bergamotto, granita al basilico
Carlo Passera
Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it