Acqua Panna S.Pellegrino Veuve Clicquot

Guida ai ristoranti d'autore in Italia e nel mondo con i premi alle giovani stelle

Lazio

Metamorfosi

Sono anni che a chi ci chiede di un ristorante a Roma rispondiamo senza esitazione: Metamorfosi! Un luogo che soddisfa l'articono uno di un'ipotetica lista dei comandamenti della ristorazione: fai divertire il cliente. Qui siamo lontani da dotti intellettualismi, da cerebrali esercizi di ermetismo gourmettologico che per fortuna stanno passando un po' di moda ma ancora emanano i loro mefitici effluvi.

La cucina di Roy, hombre colombiano che prima ancora di cucinare, già sorridendo, ti trasmette voglia di godertela un po', è questa roba qui, immediata e colorata, un carnevale al ritmo di cumbia, uno storytelling commestibile dall'inizio alla fine (garantiamo sul lieto fine). La cucina di Roy è materica, concreta, umorale, sensuale, non tocca vette assolute di tecnica e perizia ma è emotivamente coinvolgente e non non faremmo il cambio con certe partite doppie della perfezione a saldo zero. Il suo manifesto è l'anti-pasta, piatto marinettiano che gelifica un brodo di pesce e lo taglia a listarelle, lo disidrata e poi reidrata ottenendo finte tagliatelle condite con un sugo di gamberi gobbetti. Un gioco di illusionismo (che cos'è l'alta cucina sennò?) che fa tornare bambini.

Pescando nel menu ci si imbatte nell'ormai classico Uovo 65° carbonara, che ridistribuisce le carte di un piatto classico su cui spesso si pensa non si possa dire altro se non l'ortodossia, e un Agnello e mole, con lattuga e semi di chia al limone. L'ambiente è elegante ma poco "pariolino", il servizio danzante (noi abbiamo un debole per lo storico sommelier Paolo). Adelante Roy. Sin juìcio, por favor.

Chef

Roy Caceres

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef

Domenico Napodano

Ai dolci

Diego Caceres

In sala

Giampiero di Pascasio

In cantina

Paolo Abballe

Contatti

+39 06 8076839

via Giovanni Antonelli, 30
00197 - Roma
metamorfosiroma.it
info@metamorfosiroma.it
PORTAMI LÌ
Chiusura
sabato a pranzo e l'intera domenica, ad agosto aperto solo la sera
Ferie
variabili ad agosto
Menu degustazione
110 e 150 euro
Antipasto
28 euro
Primo
30 euro
Secondo
40 euro
Dolce
20 euro

Lo chef consiglia
Retrobottega, via della Stelletta, 4, Roma: un luogo in cui un grande bancone diventa la scena di una cucina innovativa nel senso più autentico

+ 39.06.68136310

Perché fermarsi
per i piatti da condividere, che costituiscono una lista "social", ad esempio il Manzo wagyu affumicato con crema satay e melanzane
Andrea Cuomo
Andrea Cuomo

Romano di stanza a Milano, sommelier e giornalista del quotidiano Il Giornale, racconta da anni i sapori delle città in cui vive